link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La pelle come spia di patologie endocrine

dermatology consultation

Due diversi studi hanno mostrato come certi segnali cutanei possano essere il primo indizio di disordini endocrini, questi segnali dovrebbero spingere ad un esame più approfondito da parte del dermatologo, alla ricerca di possibili alterazioni metaboliche.

Nel primo studio alcuni ricercatori statunitensi, guidati dal Dr. Timothy Schmidt della University of California di San Francisco, hanno scoperto che l'irsutismo e l'alterazione della pigmentazione denominata acantosis nigricans, specialmente quando questa è localizzata all'area ascellare, sono i segnali cutanei più affidabili per la diagnosi della sindrome da ovaio policistico (PCOS); quando presenti, tali segnali dovrebbero essere seguiti da una ulteriore valutazione per diagnosticare eventuali comorbidità metaboliche, che possono portare a complicanze a lungo termine.

Nel secondo studio, il Dr. Mohit Nagpal del Postgraduate Institute of Medical Education and Research di Chandigarh in India, e colleghi hanno scoperto che i maschi adulti con acne hanno una più alta resistenza insulinica e dovrebbero essere strettamente monitorati per possibili disordini metabolici collegati allo stato di resistenza insulinica.

Entrambi gli studi sono stati pubblicati a fine dicembre nell'edizione online di JAMA Dermatology.

Nell'editoriale che accompagna la pubblicazione dei due articoli, la Dr.ssa Rachel Reynolds del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston scrive: "(i due studi) evidenziano l'importantissimo ruolo del dermatologo nell'identificazione dei pazienti con problemi dermatologici che potrebbero essere la spia di patologie metaboliche o androgeno-mediate".

Nell'editoriale, la Dr.ssa Reynolds sottolinea come i risultati dello studio statunitense evidenzino l'importanza di condurre un esame cutaneo completo nelle pazienti con sospetta sindrome da ovaio policistico, questo perché l'irsutismo nella zona toracica e l'acantosis nigricans nella zona ascellare si sono rivelate essere i segnali più specifici e affidabili di alti livelli ematici di androgeni e di possibile PCOS.

"I risultati di questo studio sono molto importanti e potrebbero rivelarsi fondamentali per migliorare le capacità diagnostiche dei dermatologi che si trovano ad avere a che fare con questi pazienti", ha aggiunto.

Per quanto riguarda lo studio condotto in India, la Dr.ssa Reynolds fa notare come i risultati ottenuti dovrebbero incoraggiare i medici a sottoporre i pazienti adulti di sesso maschile con acne ad ulteriori valutazioni diagnostiche, per escludere la presenza di sindome metabolica: "ancora una volta, il ruolo delle ghiandole sebacee dimostra quanto stretto sia il legame fra cute e sistema endocrino".

La Dr.ssa Reynolds ha infine concluso dicendo: "I risultati di questi due studi ci ricordano che, in quanto dermatologici, dobbiamo comportarci come veri e propri detective: non solo identificare i pattern tracciati dai sintomi, ma ricondurli ad un possibile quadro diagnostico".

 

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online del 23 dicembre 2015.

Cutaneous Findings and Systemic Associations in Women With Polycystic Ovary Syndrome; doi:10.1001/jamadermatol.2015.4498

Insulin Resistance and Metabolic Syndrome in Young Men With Acne; doi:10.1001/jamadermatol.2015.4499

New Insights Into the Relationship Between the Skin and Endocrine Disorders; doi:10.1001/jamadermatol.2015.4500