link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Melanoma: tasso di mortalità più alto durante la gravidanza

pregnancy

Secondo uno studio statunitense, il melanoma è ancora più pericoloso quando viene diagnosticato a donne in gravidanza o entro un anno dal parto.

Fra le donne under 50 con melanoma maligno, quelle diagnosticate durante o subito dopo la gravidanza avevano una probabilità significativamente più alta di metastasi e mostravano anche una probabilità più alta di recidive.

I casi di donne diagnosticate durante la gravidanza hanno maggiori probabilità di esiti fatali, anche se l'incremento del rischio rilevato non ès tato sufficientemente alto da escludere la possibilità che sia casuale.

"Questo studio dimostra che le donne alle quali viene diagnosticato un melanoma in gravidanza, o nel periodo immediatamente successivo, mostrano spesso melanomi ad alto rischio", così il Dr. Jeffrey Farma, co-direttore dela programma di oncologia cutanea presso il Fox Chase Cancer Center di Filadelfia, ha commentato lo studio condotto sui dati provenienti da 462 donne.

"Sebbene si tratti di una retrospettiva su un campione limitato, credo che i risultati dovrebbero incoraggiarci a condurre screening più approfonditi su cert categorie di pazienti", ha proseguito il Dr. Farma, che non è stato coinvolto nello studio.

Lo studio non esamina i possibili motivi per cui la gravidanza potrebbe influenzare l'esito del melanoma ma è possibile che le fluttuazioni ormonali o la soppressione di alcune attività del sistema immunitario durante questo periodo favoriscano la crescita del tumore, questa l'opinione dell'autore Dr. Brian Gastman, direttore di chirurgia del melanoma presso la Cleveland Clinic in Ohio.

Per studiare come la gravidanza influisca sullo stato dei tumori cutanei, i ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche di donne di età pari o inferiore ai 49 anni, con una diagnosi di melanoma avvenuta fra il 1988 e il 2012. Questo gruppo comprendeva 41 donne che avevano ricevuto la diagnosi durante o subito dopo la gravidanza.

Le pazienti avevano un'età media di 35 anni all'inizio dello studio e sono state seguite per un periodo minimo di 7 anni. Alla maggior parte era stato diagnosticato un melanoma di stadio 0 o 1.

Dopo il trattamento, il 12,5% delle donne diagnosticate durante o dopo la gravidanza ha avuto una recidiva, rispetto al tasso di 1,4% delle altre donne coinvolte nello studio. Nel 25% delle donne diagnosticate in gravidanza si è verificata metastasi, rispetto al 12,7% delle altre donne. 

Secondo i risultati pubblicati il 20 gennaio nell'edizione online del Journal of the American Academy of Dermatology, le donne diagnosticate durante o subito dopo la gravidanza hanno avuto un più alto tasso di mortalità (20% rispetto al 10,3%) ma questa differenza non è stata considerata statisticamente rilevante.

Gli autori hanno sottolineato che lo studio ha coinvolto pazienti afferenti ad un centro medico che tende ad occuparsi di casi più complessi, ed è perciò possibile che i risultati non siano rappresentativi dello stato generale dei casi di melanoma diagnosticati durante o subito dopo la gravidanza.

Tuttavia, i risultati indicano che i medici dovrebbero incoraggiare le donne in gravidanza a sottoporsi a controlli più approfonditi e a segnalare immediatamente al proprio medico ogni cambiamento o anomalia che capiti loro di notare. 

Il Dr. Gastman ha sottolineato che la prevenzione del melanoma dovrebbe essere messa in pratica ancor prima che le donne raggiungano l'età fertile. I genitori dovrebbero infatti limitare l'esposizione dei bambini alle radiazioni UV, tramite l'uso di creme solari e di abiti adeguati, e dovrebbero informare i propri figli (in particolare le proprie figlie adolescenti) sul rischio di melanoma associato all'uso di lettini abbronzanti.

Il Dr. Gastman ha poi aggiunto: "Sappiamo che il melanoma è in aumento fra le giovani più che fra i giovani e sappiamo che larga parte delle condizioni preliminari che conducono al suo sviluppo emergono durante l'infanzia. Tenendo conto di questo, si tratta di un tema che interessa particolarmente i genitori di bambini di sesso femminile e le giovani donne in età fertile".

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online 20 gennaio 2016; doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2015.11.014