link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Tofacitinib, efficacia a lungo termine

tofacitinib

L'inibitore delle Janus chinasi tofacitinib (Xeljanz, Pfizer) si è mostrato efficace a lungo termine contro la psoriasi a placche in due studi randomizzati di recente pubblicazione.

I risultati, ha spiegato la Dr.ssa Svitlana Tatulych, "dimostrano che la somministrazione di tofacitinib, sia in dosi da 10 mg che da 5 mg due volte al giorno, è efficace a lungo termine nei pazienti affetti da psoriasi a placche da moderata a severa".

In un articolo pubblicato il 20 febbraio nel Journal of the American Academy of Dermatology, la Dr.ssa Tatulych, di Pfizer, e colleghi hanno sottolineato come studi precedenti avessero dimostrato contro placebo l'efficacia e la sicurezza del trattamento con tofacitinib per un periodo di 16 settimane.

I ricercatori hanno perciò deciso di condurre due studi identici di fase III, controllati contro placebo, su oltre 1.800 pazienti affetti da psoriasi a placche, con una diagnosi risalente ad almeno un anno prima dell'inizio dello studio.

Alla sedicesima settimana, tutti i pazienti del gruppo placebo sono stati riassegnati randomicamente alla terapia con tofacitinib e monitorati per 52 settimane. I pazienti idonei sono stati poi coinvolti in uno studio di estensione per valutare gli effetti a lungo termine.

Dopo 28 settimane, il 55,6% dei pazienti nel gruppo 5 mg e il 68,8% dei pazienti nel gruppo 10 mg hanno mostrato una riduzione di almeno il 75% nel punteggio relativo allo Psoriasis Area and Severity Index. Le percentuali rispetto all'indice Physician Global Assessment sono state rispettivamente del 54,7% e del 65,9%.

Non ci sono stati risultati inattesi relativi al profilo di sicurezza. I tassi di eventi avversi gravi e di interruzioni a causa di eventi avversi sono stati bassi (meno del 6%) e la percentuale di pazienti interessati è stata simile nei due gruppi tofacitinib.

"Gli eventi avversi più comuni", ha spiegato la Dr.ssa Tatulych "sono stati rinofaringite e infezione del tratto respiratorio superiore". Sono anche stati registrati gli eventi avversi relativi all'esposizione generale al tofacitinib, per valutarne la sicurezza a lungo termine".

"Nel corso di 33 mesi", ha detto, "il 10,1% dei pazienti ha sperimentato eventi avversi gravi e il 10,7% dei pazienti ha interrotto la terapia a causa di eventi avversi. Gli eventi avversi più comuni sono rimasti rinofaringite e infezione del tratto respiratorio superiore".

Questi dati, concludono i ricercatori, "supportano la valutazione di tofacitinib come una potenziale nuova opzione di trattamento orale a lungo termine per la psoriasi a placche."

La ricerca è stata sponsorizzata da Pfizer. La Dr.ssa Tatulych e alcuni degli autori sono impiegati o hanno relazioni commerciali con la compagnia farmaceutica.

Riferimenti:

Journal of the American Academy of Dermatology, edizione online del 20 febbraio 2016; doi:http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2016.01.013