link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Ascesso cutaneo: risultati migliori con antibiotici post-drenaggio

antibiotics6

Uno studio mostra che l'aggiunta di trimetoprim-sulfametossazolo alla terapia dei pazienti sottoposti a drenaggio chirurgico per ascesso cutaneo porta a risultati migliori.

Lo studio randomizzato e controllato contro placebo, pubblicato il 3 marzo nel New England Journalo of Medicine, è uno dei primi a dimostrare i vantaggi della terapia antibiotica nella fase post-drenaggio degli ascessi cutanei dall'emergere dello Stafilococco Aureus Meticillino Resistente (MRSA) comunitario, secondo gli autori Dr. David A. Talen, del Olive View–UCLA Medical Center di Los Angeles, e colleghi.

Dei 1265 pazienti con ascesso cutaneo drenato coinvolti nello studio (e provenienti da cinque diversi reparti di emergenza statunitensi), coloro che sono stati trattati due volte al giorno con 320 mg di trimetoprim e 1600 mg sulfametossazolo per 7 giorni hanno mostrato un più alto tasso di guarigione e migliori esiti secondari, tra cui un minor numero di successive procedure di drenaggio chirurgico e minor numero di nuove infezioni della pelle rispetto ai pazienti che hanno ricevuto placebo.

"Abbiamo scoperto che il tasso di guarigione rispetto alla lesione primaria era di circa 7 punti percentuali in più con trimetoprim-sulfametossazolo rispetto al placebo", scrivono gli autori.

In particolare, il tasso di guarigione degli ascessi nel gruppo di trattamento è stato dell'80,5% rispetto al 73,6% del gruppo intention to treat (ITT), che comprendeva pazienti che avevano ricevuto almeno una dose della terapia o placebo. L'analisi ha coinvolto anche pazienti che si sono ritirati dallo studio, che non si sono presentati alle visite di follow-up o che non hanno raggiunto la guarigione.

"Se avessimo dato per scontato che tutti i partecipanti nella popolazione ITT che non si sono presentati al follow-up (58 nel gruppo trimetoprim-sulfametossazolo e 39 nel gruppo placebo) avessero raggiunto una completa guarigione, i tassi di guarigione sarebbero 89,7 % e 79,9% rispettivamente" scrivono gli autori.

La lunghezza, larghezza e profondità medie delle lesioni primarie dei pazienti erano di 2,5 cm, 2,0 cm e 1,5 cm rispettivamente, mentre la lunghezza e la larghezza media dell'eritema erano pari a 6,5 cm e 5,0 cm, rispettivamente. Esami di coltura hanno identificato MRSA nel 45,3% dei pazienti nei gruppi ITT e il 97,4% degli MRSA isolati è risultato vulnerabile alla terapia con trimetoprim-sulfametossazolo.

"I tassi globali di eventi avversi sono stati simili nei due gruppi (trimetoprim-sulfametossazolo e placebo) e la maggior parte di questi eventi sono stati classificati come di lieve entità", scrivono gli autori. Gli eventi avversi più comuni riguardavano il tratto gastro-intestinale, ma non ci sono stati di casi di Clostridium difficile colitis.

Non è stata osservata alcuna differenza significativa relativa all'interruzione del trattamento causata dall'insorgenza di eventi avversi e non si sono verificati eventi avversi gravi o pericolosi per la vita associati al trattamento.

Stando agli autori dello studio, i risultati suggeriscono che la terapia con trimetoprim-sulfametossazolo, poco costosa e considerata sicura, "offre il vantaggio di tassi più bassi di successive visite mediche, interventi chirurgici ed ospedalizzazioni, nonché di nuove infezioni tra i pazienti e i loro familiari".

Secondo le linee guida correnti, il drenaggio è un trattamento sufficiente per molti pazienti con ascesso cutaneo, mentre gli antibiotici sono raccomandati solo per i pazienti che hanno determinate caratteristiche cliniche o demografiche, tra cui un sito infetto con un diametro superiore a 5 cm.

Sebbene i partecipanti allo studio abbiano avuto generalmente ascessi di piccole dimensioni, "la maggior parte dei partecipanti esibiva una dimensione totale della lesione, compreso l'eritema associato, superiore a 5 cm e molti avevano un profilo coerente con i criteri in vigore per il trattamento antibiotico", fanno notare gli autori.

Riferimenti:

New England Journal of Medicine, 2016:374:823-32; doi:10.1056/NEJMoa1507476