link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Stelara si dimostra efficace contro il morbo di Crohn

stelara targeting ILs

Il farmaco contro la psoriasi Stelara (ustekinumab), prodotto da Johnson & Johnson, si è dimostrato efficace contro il morbo di Crohn durante i test clinici di fase 2, questo quanto dichiarato dall'azienda produttrice, che conta sulla futura approvazione per questo specifico uso terapeutico.

Uno studio di fase 3 ha dimostrato la capacità di Stelara di indurre remissione nei pazienti affetti da morbo di Crohn da moderato a grave, che non hanno ottenuto benefici dagli inibitori di TNF, la classe di farmaci che è stata finora in primo piano nel trattamento di questa malattia infiammatoria intestinale.

Johnson & Johnson ha presentato i risultati dello studio durante l'11° congresso dell'Organizzazione Europea Colite e Morbo di Crohn, tenutosi a marzo 2016 ad Amsterdam. In ottobre la compagnia aveva dichiarato che Stelara si era dimostrato significativamente più efficace del placebo in uno studio condotto su pazienti con morbo di Crohn da moderato a grave.

Negli Stati Uniti, Stelara è in attesa di ricevere l'approvazione della FDA per questo specifico uso terapeutico. Stelara, che basa il suo funzionamento sul blocco di due proteine che causano infiammazione (IL-12 e IL-23), è uno dei prodotti di punta di Johnson & Johnson, con vendite per oltre 2,5 miliardi di dollari statunitensi solo nello scorso anno. L'agenzia americana per il farmaco ha approvato il farmaco per l'uso negli adulti con psoriasi da moderata a grave.

Il morbo di Crohn è un'infiammazione cronica del tratto gastrointenstinale che causa dolore addominale, diarrea, perdita di peso e febbre; questa patologia interessa oltre 700.000 individui negli Stati Uniti e quasi 250.000 in Europa, secondo le stime di Johnson & Johnson.

I 741 pazienti coinvolti nello studio sono stati assegnati a ricevere uno di due possibili e diversi dosaggi di Stelara per via intravenosa oppure a ricevere il placebo. Dopo 6 settimane, il 34% dei pazienti che avevano ricevuto Stelara, indipendentemente dalla dose, hanno raggiunto l'obiettivo prefissato dallo studio in termini di riduzione della sintomatologia legata al morbo di Crohn, rispetto al 22% dei pazienti nel gruppo placebo.

Il tasso di incidenza di infezioni ed effetti collaterali è stato simile nei tre gruppi, ha dichiarato un portavoce di Johnson & Johnson.

Nel corso del congresso, i ricercatori hanno sottolineato che ci sono altri studi in fase di completamento che hanno come oggetto la capacità di Stelara di ridurre la sintomatologia del morbo di Crohn per periodi di tempo più estesi.