link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Le manifestazioni cutanee del virus Zika

zika virus

Le manifestazioni cutanee del virus Zika non sono tali da renderlo facilmente distinguibile da altre infezioni virali, sostengono due ricercatori statunitensi.

"È importante sottolineare che l'esantema maculopapulare non esclude né conferma la diagnosi di infezione da virus Zika", hanno dichiarato il Dr. John Young III, della clinica Silver Falls Dermatology di Salem, e il Dr. Collin M. Blattner del Good Samaritan Regional Medical Center di Corvallis in Oregon, "purtroppo ci sono diversi altri fenomeni che si manifestano in maniera simile, ad esempio le reazioni a farmaci, la febbre dengue e la rosolia".

Il Dr. Young, il Dr. Blattner e colleghi hanno riassunto le manifestazioni cutanee causate dal virus Zika in un rapporto pubblicato alla fine di marzo nell'edizione online del Journal of the American Academy of Dermatology.

La manifestazione più comune al livello cutaneo è stata un'eruzione diffusa non specifica composta da macule e papule, comparsa nel periodo compreso fra 3 e 12 giorni dopo l'infezione. L'eruzione comincia sul viso e si diffonde poi al tronco e agli arti; si tratta di una manifestazione che può dare origine a prurito intenso e che guarisce con desquamazione. L'eruzione comincia a guarire nel giro di due o tre giorni e si risolve completamente nell'arco di una settimana.

L'infezione da virus Zika viene accompagnata a volte da manifestazioni emorragiche di moderata entità, come petecchie e sanguinamento delle gengive. 

"La comparsa di edemi periferici nelle mani e nei piedi è una manifestazione piuttosto comune, anche se fornire una percentuale precisa è impossibile a causa dei limitati dati a disposizione. Si pensa che questo sia dovuto alla permeabilità capillare causata del rilascio di citochine al livello dei capillari dell'endotelio (similmente a quanto accade nei casi più gravi di febbre dengue)", spiegano il Dr. Blattner e il Dr. Young.

"Tuttavia, il 90-95% dei pazienti presenta eruzioni maculopapulari e ci sono altri sintomi comuni come atralgia e manifestazioni simil-influenzali, ma è bene ricordare che la maggior parte dei pazienti infettati rimane asintomatica (80% circa)".

La diagnosi di infezione da virus Zika avviene tramite RT-PCR ed ELISA durante la prima settimana di malattia o per mezzo di analisi con anticorpi IgM ZIka-specifici quattro o più giorni dopo l'insorgenza della malattia.

"Edema periferico, artralgie e congiuntivite in combinazione con un'eruzione maculopapulare dovrebbero indurre il medico a prendere almeno in considerazione l'esecuzione di un esame del sangue per escludere l'infezione da virus Zika," concludono il Dr Young e il Dr. Blattner.

Il Dr. Enny Cruz della London School of Hygiene and Tropical Medicine del Regno Unito ha commentato la pubblicazione dicendo che i sintomi della febbre dengue, del virus Zika e del virus Chikungunya si assomigliano e la presenza di un'eruzione maculopapulare può aiutare nella diagnosi differenziale "poiché questo sintomo è generalmente più intenso nei casi di infezione da Zika"; il Dr. Cruz ha tuttavia aggiunto che "è importante ricordare che si tratta di un sintomo non specifico e che la diagnosi può essere confermata soltanto tramite analisi di laboratorio".

"Anche se l'eruzione associata all'infezione da virus Zika risparmia in genere i palmi delle mani e le piante dei piedi, sono stati descritti casi con eruzioni cutanee che interessavano entrambe le zone, pertanto non possiamo escludere l'infezione da Zika basandoci solo sulla posizione dell'eruzione", ha detto il Dr. Cruz.

Riferimenti:

Journal of the American Academy of Dermatology, edizione online 23 marzo 2016; doi:http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2016.02.1232