link876 link877 link878 link879 link880 link881 link882 link883 link884 link885 link886 link887 link888 link889 link890 link891 link892 link893 link894 link895 link896 link897 link898 link899 link900 link901 link902 link903 link904 link905 link906 link907 link908 link909 link910 link911 link912 link913 link914 link915 link916 link917 link918 link919 link920 link921 link922 link923 link924 link925 link926 link927 link928 link929 link930 link931 link932 link933 link934 link935 link936 link937 link938 link939 link940 link941 link942 link943 link944 link945 link946 link947 link948 link949 link950 link951 link952 link953 link954 link955 link956 link957 link958 link959 link960 link961 link962 link963 link964 link965 link966 link967 link968 link969 link970 link971 link972 link973 link974 link975 link976 link977 link978 link979 link980 link981 link982 link983 link984 link985 link986 link987 link988 link989 link990 link991 link992 link993 link994 link995 link996 link997 link998 link999 link1000 link1001 link1002 link1003 link1004 link1005 link1006 link1007 link1008 link1009 link1010 link1011 link1012 link1013 link1014 link1015 link1016 link1017 link1018 link1019 link1020 link1021
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Melanoma uveale: i progressi della ricerca

eye uveal melanoma

Due studi provenienti dalla University of Miami Miller School of Medicine gettano nuova luce sui fattori fisiologici e genetici associati al melanoma uveale.

In un articolo pubblicato il 28 aprile nell'edizione online di JAMA Ophthalmology, il Dr. J. William Harbour e colleghi esaminano le implicazioni prognostiche relative al diametro dei tumori e al profilo genetico associato.

"Nel corso degli anni abbiamo acquisito sempre più esperienza nel campo delle biopsie oculari per l'analisi dell'espressione genica (gene expression profiling, GEP) dei melanomi uveali e siamo riusciti ad eseguire biopsie su tumori di dimensioni sempre più piccole", ha spiegato il Dr. Harbour. "Nel corso dell'analisi dei pazienti con tumori di classe 2 ad alto rischio, è emerso che i pazienti con un diametro tumorale inferiore ai 12 mm hanno un rischio di metastasi molto più basso rispetto ai pazienti con tumori di diametro più grande".

I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver esaminato 339 pazienti nella coorte principale e 241 nella coorte di verifica. Tutti pazienti avevano melanoma uveale del corpo ciliare e/o della coroide.

Le stime attuariali a cinque anni per la sopravvivenza in assenza di metastasi sono pari al 97% per i melanomi uveali di classe 1 con diametro massimo del tumore basale minore di 12 mm; 90% per quelli di classe 1 con diametro massimo del tumore basale pari o superiore a 12 mm; 90% per i melanomi uveali di classe 2 con diametro massimo del tumore basale minore di 12 mm e 30% per quelli di classe 2 con diametro massimo del tumore basale pari o superiore a 12 mm.

Nella coorte di verifica indipendente sono stati corroborati tanto il valore prognostico del diametro massimo del tumore basale quanto quello del cut-off a 12 mm.

"Questi risultati hanno implicazioni molto importanti per la consulenza al paziente, il reclutamento negli studi clinici e il monitoraggio sistemico", ha spiegato il Dr. Harbour.

Nel secondo studio, pubblicato anche questo in JAMA Ophthalmology, il team di ricercatori ha esaminato le associazioni fra gli esiti di 81 pazienti e le mutazioni pilota (driver mutations) nel GEP. Dei pazienti esaminati, 35 sono stati classificati come GEP 1 e 42 come GEP 2, mentre nei restanti 4 pazienti il profilo GEP era sconosciuto.

Il Dr. Harbour ha sottolineato che "Le mutazioni in GNAQ e GNA11 si verificano durante i primi stadi di sviluppo del melanoma uveale e non sono significative dal punto di vista prognostico. Al contrario, le mutazioni in BAP1, SF3B1 e EIF1AX si verificano più tardi nel processo di progressione del tumore (in modo mutualmente esclusivo) e sono associate ad un rischio metastatico rispettivamente alto, medio e basso.

Il GEP nei tumori di classe 2 è stato il fattore prognostico che ha mostrato la più forte associazione con il processo di metastasi (rischio relativo 9,4) e con la mortalità dovuta al melanoma (rischio relativo 15,7). Tuttavia, una volta escluso il profilo GEP, la mutazione BAP1 è risultata essere il fattore con la più rilevante associazione metastatica (rischio relativo 10,6) e di mortalità dovuta al melanoma (rischio relativo 9,0).

"I risultati del nostro studio supportano lo sviluppo di terapie molecolari specifiche dirette alle mutazioni BAP1 e SF3B1 ed evidenziano il potenziale valore diagnostico di queste mutazioni nel quadro del melanoma uveale", ha spiegato il Dr. Harbour.

La pubblicazione dello studio è stata accompagnata da un editoriale del Dr. Arun D. Singh, che ha commentato dicendo: "con la revisione delle stime di sopravvivenza libera da progressione, ci sarà bisogno di ricalcolare la stratificazione del rischio sulla base del GEP".

Nell'editoriale, il Dr. Singh fa notare come gli autori di questo studio: "debbano essere applauditi per gli sforzi profusi nel migliorare il processo di prognosi", ma sottolinea anche come questo tipo di ricerca sia "un work in progress che deve ancora tradursi in un miglioramento dei tassi di sopravvivenza".

La ricerca è stata finanziata dal National Cancer Institute e dalla Melanoma Research Foundation.

Riferimenti:

JAMA Ophtalmology, edizione online del 28 aprile 2016; doi:10.1001/jamaophthalmol.2016.0913