link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il colore dei medicinali influenza la compliance

multi colored pills

Intervista alla Dr.ssa Tricia Ting, professore associato del dipartimento di Neurologia della University of Maryland School of Medicine, a proposito dell'influenza del colore delle pillole sulla compliance dei pazienti.

Quali erano gli obiettivi del vostro studio e quali sono stati, in breve, i metodi impiegati?

Il nostro scopo iniziale era quello di scegliere il colore delle capsule da usare nel nostro trial clinico. La compliance è emersa come problema fondamentale nel corso di uno studio di bio-equivalenza condotto dal nostro gruppo, nel quale pazienti epilettici erano responsabili per l'assunzione del farmaco per lunghi periodi prima di tornare per eseguire i test farmaco-cinetici. La possibilità che la scelta del colore "sbagliato" potesse creare aspettative negative e influenzare l'assunzione nel corso dello studio ci ha fatto fermare e riflettere sui colori che il paziente avrebbe potuto preferire, e soprattutto su quelli che avrebbe potuto trovare indesiderabili.

Non siamo riusciti a trovare una risposta consultando la letteratura circa le preferenze di colorazione per gli studi clinici che potessero essere applicate alla popolazione di pazienti coinvolti nello studio. Così abbiamo intervistato quasi 100 pazienti con epilessia, in uno studio trasversale condotto presso il nostro ambulatorio di neurologia. Ai pazienti sono state mostrate capsule AA standard, in cinque colori: bianco, giallo, grigio, caramello, marrone. Successivamente abbiamo chiesto loro di segnalare gli eventuali colori ritenuti "inaccettabili" e di classificare la loro preferenza di colore da "assolutamente preferito" a "assolutamente non preferito"."

Abbiamo poi cercato di individuare una preferenza statisticamente significativa per almeno un colore e abbiamo esaminato le differenze relative, tra i colori per i quali c'era una preferenza statisticamente significativa. Abbiamo poi utilizzato l'analisi di regressione multivariata per determinare se le differenze di colore delle preferenze potessero essere spiegate con il sesso, la razza, l'età o il numero di farmaci assunti.

Quali sono stati i risultati?

Abbiamo trovato una differenza statisticamente significativa nella preferenza per i colori bianco e giallo rispetto a grigio, caramello e marrone. Abbiamo perciò deciso di usare i nostri risultati per selezionare capsule bianche per il cieco nel nostro studio di bio-equivalenza, scelta che ha portato ad un eccellente tasso di compliance da parte dei pazienti.

Quali erano i dati esistenti circa la psicologia del colore e le preferenze rispetto al colore dei medicinali?

L'associazione fra colore del farmaco ed effetto del medicinale è stata discussa in letteratura, ma per lo più si è trattato di descrizioni di studi trasversali condotti al di fuori degli Stati Uniti. In genere, i colori freddi sono associati ad effetti rilassanti o depressivi, mentre i colori caldi sono associati ad effetti stimolanti. Alcuni dei risultati circa i colori dei farmaci diventano confusi quando si confrontano studi che coinvolgono etnie diverse (ad esempio, uno studio condotto in Malesia contro uno studio condotto a Baghdad) e diversi tipi di farmaci; ma le preferenza di colore per le pillole nei pazienti statunitensi, in particolare nel contesto della progettazione di una sperimentazione clinica, non è ancora stata studiata a fondo.

Le case farmaceutiche sono a conoscenza delle preferenze dei pazienti circa i colori dei farmaci?

Le industrie farmaceutiche conducono vaste ricerche di mercato per selezionare il colore più adatto per un medicinale. L'industria farmaceutica mostra una crescente attenzione al colore dei farmaci in sviluppo per questioni di brand identity, non solo per distinguere un un farmaco da altri simili o da formulazioni generiche, ma anche per trasmettere un preciso valore terapeutico ai consumatori. Tuttavia sembra esserci meno attenzione alla selezione del colore nel contesto della progettazione degli studi clinici, in cui la percezione del farmaco da parte del paziente potrebbe influenzare gli effetti terapeutici e collaterali misurati. Si potrebbe quasi dire che una cattiva scelta del colore della pillola potrebbe condannare un farmaco promettente al fallimento, solo sulla base del suo aspetto nella fase di sperimentazione clinica.

Quali sono le implicazioni cliniche dei vostri risultati in termini di cura e di ricerca?

Siamo stati sorpresi di riscontrare nei nostri pazienti con epilessia una netta preferenza di colore e di scoprire che alcuni colori sono considerati "inaccettabili". A fronte di una preferenza così forte per certi colori, è probabile che il colore della pillola abbia il potenziale per influenzare la compliance del paziente così come del soggetto negli studi clinici, ciò merita ulteriore attenzione e ricerca, soprattutto per quanto riguarda le preferenze specifiche di particolari popolazioni di pazienti.