link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Creme solari: una su quattro non supera i test

sunscreen bottles

Secondo il rapporto annuale degli esperti di Consumer Report, oltre il 40% delle creme solari fornisce una protezione assai più bassa del livello di SPF dichiarato sulle confezioni.

Fra i solari esaminati, "28 non hanno superato il test di verifica del valore SPF, che confronta il livello di protezione dichiarato con il livello di protezione solare effettivamente fornito", ha spiegato la Dr.ssa Trisha Calvo, editrice della sezione 'Cibo e Salute' della rivista. Sorprendentemente, due prodotti con un valore dichiarato di 50 SPF si sono rivelati capaci di fornire una protezione pari a soli 8 SPF.

Il rapporto di Consumer report ha esaminato una vasta quantità di prodotti: creme, spray, stick e lozioni per il viso destinate agli adulti e ai bambini; oltre ai risultati del test, il rapporto comprende anche risposte a dubbi molto frequenti come il reale valore del SPF indicato sulla confezione e il significato di protezione solare 'ad ampio spettro'.

La pubblicazione è fissata per il numero di luglio della rivista ConsumerReport Magazine.

Per i test sono stati arruolati dei volontari che sono stati invitati ad immergersi nell'acqua dopo l'applicazione delle creme solari e successivamente la loro pelle è stata esposta ai raggi UV.

Il Personal Care Products Council, un gruppo che comprende produttori di creme solari, ha messo in dubbio la validità dei test di Consumer Report e ha dichiarato che i prodotti solari in questione soddisfano i criteri imposti dalla FDA e hanno superato rigorosi test prima di essere commercializzati.

I test hanno coinvolto tanto protezioni solari con filtri chimici che con filtri minerali; la Dr.ssa Calvo ha spiegato che le creme solari a basi di filtri minerali (che si servono di ingredienti come il biossido di titanio e l'ossido di zinco) si sono rivelate, in media, meno capaci di mantenere le promesse relative al SPF rispetto alle creme che impiegano filtri chimici (come l'avobenzone). I risultati dicono che solo il 26% delle creme solari a base di filtri minerali fornisce la protezione promessa dalla confezione, rispetto al 58% delle protezioni solari con filtri chimici.

La differenza fra SPF dichiarato e SPF testato è "fonte di grossa preoccupazione", secondo il Dr. Tim Turnham, direttore esecutivo della Melanoma Research Foundation.

I risultati dell'indagine "sollevano questioni cruciali sull'importanza del SPF e della protezione UV 'ad ampio spettro' come mezzi per ridurre il rischio di tumori cutanei e per rallentare l'invecchiamento cutaneo causato dall'esposizione al sole", ha commentato la Dr.ssa Elizabeth K. Hale, vice-presidente della Skin Cancer Foundation.

"Alla luce dei risultati del rapporto, è buona norma acquistare protezioni solari con un SPF dichiarato superiore a 30", ha proseguito la Dr.ssa Hale, "per compensare tanto per la differenza fra SPF dichiarato e SPF effettivamente fornito che per la tendenza del pubblico ad usare meno protezione solare del necessario".