link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Avoralstat e angioedema ereditario

avoralstat

I risultati di uno studio di recente pubblicazione indicano che avoralstat, un inibitore della callicreina, potrebbe ridurre la frequenza degli attacchi nei pazienti con angioedema ereditario (HAE), ma dati ancora in via di pubblicazione, provenienti da uno studio più vasto, sembrano dimostrare il contrario.

Il Dr. Marcus Maurer, della clinica universitaria Charité di Berlino, e colleghi hanno esaminato l'efficacia di avoralstat nella prevenzione degli attacchi di angioedema ereditario in uno studio randomizzato e crossover, chiamato OPuS-1, che ha coinvolto 24 pazienti con angioedema ereditario grave.

Nei risultati, pubblicati l'11 maggio nell'edizione online del Journal of Allergy and Clinical Immunology, si legge che ci sono stati 79 attacchi di angioedema ereditario durante il trattamento con avoralstat, mentre durante il trattamento con placebo si sono verificati 123 attacchi. Ciò si è tradotto in un tasso settimanale di attacchi pari a 0,82 per paziente con avoralstat, rispetto agli 1,27 attacchi settimanali con placebo (p<0,001).

Gli eventi avversi si sono verificati con frequenza molto simile nei due periodi terapeutici, quello con avoralstat e quello con placebo.

"Questo studio rappresenta la proof-of-concept dell'efficacia di una profilassi mirata nella prevenzione degli attacchi di angioedema ereditario", ha dichiarato il Dr. Maurer.

"È un enorme passo avanti per i pazienti affetti da angioedema ereditario, che attendono da anni l'arrivo di una profilassi efficace e sicura che possa aiutarli a gestire la loro condizione".

Alcuni degli autori, compreso l'autore principale Dr. Maurer, hanno segnalato legami finanziari con la BioCryst Pharmaceuticals Inc., l'azienda farmaceutica che sta sviluppando avoralstat, e alcuni di essi figurano come impiegati della compagnia.

Il Dr. Marc Riedl, della University of California di San Diego, che ha alle spalle diverse pubblicazioni a tema angioedema ereditario ma che non è stato coinvolto nello studio, ha commentato: "Per anni, tanto i medici quanto i pazienti hanno mostrato grande interesse nei confronti di un farmaco ad assunzione orale, non-androgeno, capace di prevenire gli episodi acuti. Questo studio fornisce la proof-of-concept per dimostrare che si tratta di una via percorribile".

Tuttavia, un secondo studio clinico denominato OPuS-2 che ha coinvolto 110 pazienti affetti da angioedema ereditario (popolazione assai superiore a quella di OPuS-1) non è riuscito a dimostrare che avoralstat sia effettivamente in grado di ridurre l'incidenza di attacchi nei pazienti in terapia con avoralstat al dosaggio di 300 mg o 500 mg tre volte al giorno.

Secondo la documentazione di BioCryst sui risultati di questo studio, ancora in fase di pubblicazione, il criterio di eleggibilità per lo studio è stato un tasso di attacchi maggiore o pari a 0,45 attacchi/settimana rispetto al tasso di 1,0 attacchi/settimana usato per OPuS-1.

Il tasso settimanale di episodi acuti confermato in OPuS-2 è stato pari a 0,63 per i pazienti in terapia con avoralstat 500 mg, a 0,71 per i pazienti in terapia con avoralstat 300 mg e a 0,61 per i pazienti che hanno assunto il placebo.

"Il profilo di esposizione raggiunto dalla formulazione liquida di avoralstat è stato insufficiente in questo studio e il farmaco non si è dimostrato adatto ad un ulteriore sviluppo", si legge nella documentazione.

"Purtroppo, questo farmaco non ha dimostrato di essere efficace in uno studio condotto su una popolazione più vasta", ha commentato il Dr. Riedl. "Ma ha stimolato il già crescente interesse per l'approccio farmacologico basato sugli inibitori della callicreina da assumere per via orale e questo tipo di trattamento potrebbe radicalmente cambiare la gestione clinica dell'angioedema ereditario".

Robert Bennett, vicepresidente della sezione Investor Relations & Operations di BioCryst, ha dichiarato: "Dopo l'esito di OPUS-2, il nostro team ha valutato una serie di formulazioni alternative di avoralstat al fine di migliorare l'esposizione al farmaco e di allungare gli intervalli tra i dosaggi".

"Inoltre, abbiamo in programma uno studio di fase 2 della nostra seconda generazione di farmaci pensati per l'angioedema ereditario", ha detto Bennett. "Lo studio, chiamato APEX-1, inizierà questa estate e contiamo di pubblicarne i risultati entro la fine del 2016".

Riferimenti:

Journal of Allergy and Clinical Immunology, edizione online del 11 maggio 2016; doi:http://dx.doi.org/10.1016/j.jaci.2016.03.043