link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Melanoma: è necessaria una prevenzione mirata

randomized control trial group

I modelli di previsione del rischio per il melanoma sono strumenti precisi e sofisticati che dovrebbero essere integrati nella pratica clinica, questa l'opinione dell'autore di un editoriale pubblicato l'8 giugno su JAMA Dermatology.

Al momento, molte delle linee guida redatte da comitati di esperti suggeriscono di individuare tempestivamente gli individui a rischio di melanoma, scrivono il Dr. Jon Emery, della University of Melbourne in Australia, e colleghi.

Tuttavia la maggior parte delle linee guida impiega una semplice lista di fattori di rischio, come il fototipo e la storia familiare, per identificare i soggetti ad alto rischio di melanoma che dovrebbero seguire indicazioni specifiche per quanto riguarda l'esposizione al sole e la frequenza degli esami di screening.

I modelli di previsione del rischio sono migliori, secondo gli autori dell'editoriale, perché incorporano e valutano multipli fattori di rischio contemporaneamente. Questi modelli si basano su innumerevoli studi epidemiologici e sono in grado di stimare il rischio di melanoma sulla base di variabili ambientali oltre che fenotipiche e genotipiche.

Il Dr. Emery sostiene che "è finalmente giunta l'era della prevenzione mirata per quanto riguarda il melanoma".

I modelli statistici rappresentano, in teoria, uno strumento più preciso per l'identificazione dei soggetti a rischio e questo potrebbe portare all'adozione tempestiva di comportamenti che minimizzino i fattori di rischio in questi soggetti.

"C'è una corpus sempre crescente di prove che dimostrano la validità di alcuni modelli di previsione del rischio, che si sono dimostrati migliori dei metodi basati sull'esame dei singoli fattori in termini di individuazione dei soggetti a rischio", si legge nell'editoriale.

I modelli statistici di questo tipo abbondano: due recenti revisioni sistematiche ne hanno contanti ben 53.

Tuttavia esistono problemi legati all'impiego di questi modelli di previsione del rischio, la maggior parte di essi, ad esempio, si affida a fattori di rischio che possono essere rilevati soltanto nel corso di una visita specialistica dermatologica; perciò molti di essi "non sono adatti alla pratica clinica generica, dove è più urgente l'implementazione di strumenti per l'indentificazione precoce del rischio", dicono gli autori.

Esiste tuttavia un nuovo modello, elaborato da ricercatori australiani e ancora senza nome, che si basa su criteri di autovalutazione e che potrebbe quindi essere in grado di superare i limiti dei modelli precedenti.

Uno studio condotto su questo nuovo modello di previsione del rischio usando i dati provenienti dal Australian Melanoma Family Study (629 casi e 535 controlli) è stato pubblicato insieme all'editoriale a firma del Dr. Emery e colleghi.

Il modello comprende fattori come il colore dei capelli, la densità dei nevi, i precedenti di melanoma nella storia familiare, eventuali tumori cutanei non-melanoma e l'uso di lettini abbronzanti. I dati sono stati raccolti per mezzo di questionari di autovalutazione e di interviste telefoniche.

La precisione del modello è stata simile a quella di altri modelli di previsione del rischio impiegati per l'individuazione di soggetti a rischio per altri tipi di cancro.

Per quanto riguarda la convalida interna, l'area sottesa alla curva ROC (AUC) è stata di 0,70 (intervallo di confidenza 95% 0,67-0,73) rispetto a valori di 0,53-0,66 per il cancro alla mammella e 0,62-0,75 per il cancro al retto. In particolare, il nuovo modello australiano è stato convalidato esternamente — quattro volte.

In termini di validazione esterna, l'AUC era 0,66 nel Western Australia Melanoma Study, 0,67 nel Leeds Melanoma Case–Control Study, 0,64 nel Epigene-QSkin Study e 0,63 nello Swedish Women's Lifestyle and Health Cohort Study.

I capelli rossi e la densità dei nevi sono stati i fattori di rischio con il più alto valore predittivo.

I ricercatori riferiscono che il 58% dei partecipanti all'Australian Melanoma Family Study sarebbe stato classificato come ad alto rischio secondo il loro modello. Ed hanno identificato alcuni pazienti a rischio:il primo paziente è un uomo di 38 anni con capelli chiari, qualche nevo, nessun precedente familiare di melanoma, nessun precedente personale di tumori cutanei non-melanoma e un numero di sessioni su lettino abbronzante; il secondo paziente è una donna di 32 anni con capelli chiari, molti nevi, nessun precedente familiare di melanoma, nessun precedente personale di tumori cutanei non-melanoma e nessun uso di lettini abbronzanti.

Lo studio ha rivelato che potrebbe essere più appropriato utilizzare una soglia di rischio relativamente bassa quando si utilizza un modello di previsione del rischio.

Purtroppo, a dispetto delle sue eccellenti prestazioni, il nuovo modello di previsione del rischio non è ancora pronto per l'adozione nella pratica clinica; è necessario infatti, concludono gli autori, valutarne la fattibilità e il rapporto costi-benefici "prima che questo modello entri a far parte della routine clinica".

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online del 8 giugno 2016; doi:10.1001/jamadermatol.2016.0939