link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Stress meccanico e progressione del melanoma

foot sole

I risultati di una nuova ricerca suggeriscono che lo stress meccanico può promuovere la formazione di melanomi sulla superficie plantare.

"Nei casi di lesioni pigmentate in via di sviluppo localizzate alle aree plantari sottoposte ad intensi stress meccanici, come il tallone, la possibilità che si tratti di melanoma dovrebbe essere fortemente considerata in fase diagnostica" ha spiegato il Dr. Ryuhei Okuyama della Shinshu University School of Medicine di Matsumoto, in Giappone. I risultati dello studio sono stati pubblicati nell'edizione online del 16 giugno 2016 del New England Journal of Medicine.

"Sebbene l'esposizione al sole sia un fattore di rischio chiave per il melanoma cutaneo, questo tipo di tumore può svilupparsi anche in parti del corpo non esposte al sole", scrivono il Dr. Okuyama e colleghi nella loro relazione. "Questi melanomi generalmente non ha esibiscono la mutazione BRAF spesso osservata nei melanomi che si sviluppano nelle aree esposte al sole", hanno aggiunto.

Nello studio i ricercatori hanno esaminato retrospettivamente pazienti trattati per melanomi plantari presso la loro clinica fra il 1990 e il 2014.

La densità media di distribuzione per l'intera superficie plantare era di 0,40 lesioni/cm2, ma le lesioni erano più dense nella parte posteriore (0.87/cm2) e anteriore (0.71/cm2) del piede e molto meno dense nella zona dell'arco plantare (0.07/cm2). Non è stata rilevata alcuna associazione tra i pattern di distribuzione dei melanomi e il valore delle lesioni in termini di spessore di Breslow.

"I nostri dati suggeriscono che lo stress meccanico rappresenta uno stimolo oncogenico per lo sviluppo del melanoma, in aggiunta alla radiazione ultravioletta", ha spiegato il Dr. Okuyama.

"Il melanoma localizzato alla pianta del piede passa facilmente inosservato, per questo può svilupparsi fino a raggiungere uno stadio avanzato ed incurabile", ha sottolineato l'autore principale dello studio.

Il Dr. Okuyama ha dichiarato che al momento lui e i suoi colleghi si stanno dedicando allo studio del melanoma ungueale, che sospettano possa essere il risultato di stress meccanico come quello localizzato all'area plantare.

Riferimenti:

The New England Journal of Medicine, 2016; 374:2404-2406; doi:10.1056/NEJMc1512354