link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Caratteristiche lichenoidi nelle eruzioni da immunoterapia

eruzione lichenoide

Nei pazienti affetti da cancro, le eruzioni cutanee legate all'uso di anticorpi antagonisti della proteina della morte programmata 1 (PD-1) e del rispettivo ligando (PD-L1) mostrano caratteristiche lichenoidi all'analisi istologica.

"La scoperta che le eruzioni cutanee legate alla terapia anti PD1 hanno spesso caratteristiche istologiche lichenoidi è molto interessante. Sebbene non sia ancora noto l'esatto meccanismo patogenetico di questo effetto collaterale, questa scoperta ha importanti implicazioni per l'eziologia di affezioni cutanee come il lichen planus", ha spiegato la Dr.ssa Jennifer N. Choi della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, autrice principale dello studio.

"PD-1 è una molecola inibitoria, situata sulla superficie delle cellule T, che mantiene la tolleranza immunitaria agli auto-antigeni", scrivono la Dr.ssa Choi e colleghi nell'articolo pubblicato il 13 luglio in JAMA Dermatology.

"Nivolumab e pembrolizumab sono anticorpi antagonisti della PD-1,in grado di contrastare l'inibizione delle cellule T tumore-specifiche e di ripristinare così la funzionalità immunitaria antitumorale", notano gli autori.

"La recente approvazione di questi agenti da parte della Food and Drug Administration ha reso necessario identificare con precisione i loro specifici profili di tossicità", aggiungono.

Per farlo, il team di ricercatori ha esaminato dati provenienti da 13 uomini e 7 donne che hanno sviluppato reazioni cutanee alla terapia con anticorpi antagonisti di PD-1 e PD-L1, sia in monoterapia che in terapia combinata con altri agenti. L'età media era di 64 anni.

La maggior parte dei soggetti (16) presentava papule eritematose e le biopsie, disponibili per 17 dei 20 pazienti, hanno mostrato caratteristiche tipiche delle dermatiti lichenoidi.

Diciotto pazienti sono stati trattati con corticosteroidi topici e solo uno dei pazienti ha dovuto sospendere la terapia anti-PD-1/PD-L1. Sedici pazienti (pari all'80% dei partecipanti) stavano assumendo, contemporaneamente all'immunoterapia, farmaci che erano stati precedentemente collegati ad eruzioni lichenoidi.

Tuttavia, secondo i ricercatori: "I pazienti avevano mostrato di tollerare bene questi farmaci in precedenza e il fatto che l'unica differenza sia stata l'introduzione degli agenti immunoterapici fa sospettare che siano questi ultimi ad essere responsabili delle eruzioni cutanee".

È anche possibile che gli agenti anti-PD-1/PD-L1 abbiano "innescato una risposta immunitaria al farmaco, fino a quel momento apparentemente ben tollerato, causando il manifestarsi delle eruzioni lichenoidi".

La Dr.ssa Choi e colleghi sottolineano che "sono necessari ulteriori studi su questo evento avverso cutaneo collegato agli agenti anti-PD1, perché questo potrebbe portare ad una miglior comprensione della biologia della pelle e delle cellule T".

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online del 13 luglio 2016; doi:10.1001/jamadermatol.2016.2226