link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

USPSTF sullo screening cutaneo nell’ambito delle cure primarie

esame cutaneo

Secondo le raccomandazioni diffuse dalla US Preventive Services Task Force (USPSTF), le prove a favore del condurre regolari screening cutanei su adulti asintomatici nell'ambito delle cure primarie sono "insufficienti".

L'influente organizzazione statunitense ha diffuso le nuove raccomandazioni in un rapporto pubblicato il 26 luglio 2016 nella rivista JAMA.

Nel rapporto si legge che le prove scientifiche sono ancora poco numerose e di qualità troppo scarsa per poter determinare se i benefici di questo tipo di screening superino gli svantaggi.

Si tratta della stessa posizione già resa nota dalla USPSTF nel 2009, nel precedente rapporto diffuso dalla task force statunitense. Tuttavia, il rapporto non nega del tutto l'utilità di questo tipo di screening: "i medici di base dovrebbero conoscere i dati disponibili in merito e decidere in base alle caratteristiche del singolo individuo e della situazione", scrivono gli autori del rapporto, guidati dalla Dr.ssa Kirsten Bibbins-Domingo della University of California di San Francisco.

I dati disponibili sono elencanti per esteso nella revisione sistematica aggiornata, pubblicata su JAMA insieme al rapporto.

Gli autori del rapporto sottolineano come altre organizzazioni di spicco non abbiano ancora diffuso delle linee guida specifiche al riguardo, fra queste l'American College of Physicians, l'American College of Preventive Medicine e l'American Academy of Dermatology. Tuttavia, l'American Cancer Society raccomanda a tutti gli adulti di sottoporsi a regolari screening cutanei nel quadro dei controlli di prevenzione dei tumori.

Le nuove raccomandazioni non dovrebbero essere lette negativamente, sottolineano gli autori di un editoriale che accompagna la pubblicazione del rapporto su JAMA: "Dire che 'le prove a favore sono insufficienti' non significa dire che questi screening siano privi di benefici e il pubblico, i medici e la stampa dovrebbero evitare di interpretare negativamente le dichiarazioni della USPSTF", scrivono il Dr. Hensin Tsao, del Massachusetts General Hospital di Boston, e il Dr. Martin A. Weinstock, della Brown University di Providence.

Sebbene insufficienti, infatti, i dati circa l'utilità degli screening cutanei nell'ambito delle cure primarie sono in crescita: "Le prove a supporto dell'impatto benefico di questi screening sono molto migliorate rispetto a quelle disponibili un decennio fa", scrivono i due autori.

Gli editori di JAMA sono convinti che la questione degli screening cutanei sia un tema molto importante, infatti, oltre al saggio del Dr. Tsao e del Dr Weinstock, sono stati commissionati altri tre editoriali sullo stesso tema, destinati alla pubblicazione in altre tre riviste edite dalla American Medical Association.

Uno degli editoriali contraddice le linee guida diffuse dalla USPSTF e propone che questo tipo di screening entri a far parte dei controlli di routine, mentre gli altri due sottolineano l'importanza degli screening cutanei e la crescente necessità di strategie di prevenzione e individuazione precoce dei tumori cutanei.

In un editoriale pubblicato in JAMA Dermatology, tre esperti hanno sottolineato come le nuove raccomandazioni si applichino solo ai casi di adulti asintomatici e solo nell'ambito specifico dell'assistenza medica di base.

"Il rapporto della USPSTF non riguarda i soggetti con sintomi sospetti, né i soggetti da considerarsi 'a rischio' per via della loro specifica storia familiare, personale o sulla base di altri fattori", scrive la Dr.ssa Susan M. Swetter, della Stanford University in California.

Le nuove linee guida, inoltre, non riguardano i dermatologi. "La USPSTF non diffonde linee guida rivolte agli specialisti, come i dermatologi, che effettuano controlli di routine sui soggetti ad alto rischio".

Tuttavia, secondo il parere degli editorialisti, "il sistema sanitario statunitense deve assumere un atteggiamento proattivo nei confronti delle pratiche di prevenzione e di diagnosi precoce dei tumori cutanei". Essi ritengono che sia necessario creare campagne educative che stimolino i pazienti appartenenti alle categorie considerate 'ad alto rischio' (ad esempio, gli uomini caucasici sopra i 50 anni e gli individui con nevi atipici o con una storia familiare di melanoma) a sottoporsi a controlli regolari.

A seguito di questo tipo di campagne potrebbero essere poi redatti studi di follow-up: "gli studi dovrebbero verificare se questo tipo di campagne mediatiche possano, da sole, contribuire significativamente a ridurre l'incidenza di melanomi diagnosticati in stadio già avanzato", scrivono la Dr.ssa Swetter e colleghi.

Un approccio proattivo basato sulla diffusione di campagne informative dovrebbe includere la promozione di pratiche di auto-screening per identificare nevi atipici, una raccomandazione che non è stata inclusa nelle linee guida diffuse dalla USPSTF. Questo tipo di esame è conosciuto come 'screening di lesione sospetta' ed un recente studio condotto in Belgio ne ha evidenziato i benefici [1].

 

Dalla Germania arrivano segnali positivi

Un altro trio di esperti, autori di un editoriale pubblicato in JAMA Internal Medicine, ha commentato le nuove raccomandazioni diffuse da USPSTF dicendo che queste potrebbero 'confondere' tanto i medici che i pazienti.

"Molte organizzazioni si sono dichiarate a favore degli screening regolari; i tumori cutanei sono più facili da individuare in quanto visibili e questo tipo di esame non è né doloroso né invasivo", scrivono gli autori dell'editoriale, guidati dalla Dr.ssa Eleni Linos, della University of California di San Francisco. Tuttavia, anch'essi riconoscono che non sono stati condotti studi clinici randomizzati che possano comprovarne l'efficacia.

Al momento, i risultati più consistenti vengono da uno studio, denominato Skin Cancer Research to Provide Evidence for Effectiveness of Screening in Northern Germany (SCREEN), condotto in uno degli stati della repubblica federale tedesca fra il 2003 ed il 2004.[2]

Questo progetto multiaudience ha mostrato una riduzione relativa nella mortalità del melanoma pari al 48% a seguito di una campagna di sensibilizzazione sul tema dei tumori cutanei, di un programma di educazione e formazione rivolto ai medici e di un piano di screening basato su un singolo esame visivo della pelle, che ha coinvolto quasi il 20% degli adulti.

Tuttavia, il programma nazionale avviato in seguito a SCREEN non ha ancora mostrato benefici sulla mortalità dopo 5 anni di follow-up. Inoltre, secondo il parere degli editorialisti, lo studio SCREEN solleva più di un dubbio metologico.

Il trio sottolinea l'importanza di evitare i lettini abbronzanti e di usare creme di protezione solare, citando l'efficacia del programma australiano SunSmart che raccomanda l'uso di abiti e copricapo che schermino il corpo dal sole, di protezioni solari adeguate e che incoraggia l'abitudine a cercare frequentemente riparo all'ombra. Il programma di prevenzione attivato in Australia, infatti, ha già fatto registrare una diminuzione nell'incidenza di tumori cutanei nella popolazione adulta.

Riferimenti:

JAMA 2016;316(4):429-435; doi:10.1001/jama.2016.8465
[1] JAMA Dermatology 2016;152(1):27-34; doi:10.1001/jamadermatol.2015.2680
[2] JAMA Dermatology 2012 Feb;66(2):201-11; doi: 10.1016/j.jaad.2010.11.016