link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Impronte digitali e terapia con capecitabina

fingerprints capecitabine

La terapia con capecitabina, uno degli agenti chemioterapici più diffusi, può causare la scomparsa delle impronte digitali nei pazienti.

Si tratta tuttavia di un fenomeno temporaneo e, secondo uno studio pubblicato in JAMA Oncology, le impronte digitali ricompaiono nel giro di 2-4 settimane dalla sospensione della terapia.

"I medici dovrebbero essere a conoscenza di questo effetto collaterale della terapia con capecitabina e i pazienti trattati con questo agente dovrebbero essere informati all'inizio della terapia", ha spiegato l'autore principale, Dr. Ron Mathijssen, del Erasmus MC Cancer Institute di Rotterdam.

"Le impronte digitali stanno diventando sempre più importanti per la vita quotidiana. Le forze dell'ordine, ad esempio, le usano per identificare possibili criminali ed è necessario fornire le proprie impronte digitali per ottenere un passaporto (in Olanda, così come in molti altri paesi europei) o un visto; inoltre spesso vengono utilizzate in sostituzione delle password per accedere a dispositivi come computer portatili e smartphone", ha aggiunto.

La capecitabina (commercializzata come Xeloda da Roche, ma disponibile anche in formulazione generica dal 2013) è un profarmaco orale che viene metabolizzato dall'organismo e trasformato in 5-fluorouracile (5-FU), la capecitabina viene usata per trattare il cancro al colon e alla mammella, fra gli altri.

Uno degli effetti collaterali di questo agente è la sindrome mano-piede, una malattia cutanea che porta alla comparsa di vesciche sui palmi delle mani e sulle piante dei piedi nel 60% dei pazienti.

"È stato ipotizzato che sia proprio questa sindrome a causare la scomparsa delle impronte digitali, fenomeno documentato sporadicamente nella letteratura medica", ha spiegato il Dr. Mathijssen. Tuttavia, lo studio di cui ci occupiamo ha dimostrato l'infondatezza di questa ipotesi.

Lo studio è stato condotto in collaborazione con le forze di polizia dell'Aia (Den Haag), in Olanda. Il Dr. Mathijssen e colleghi hanno valutato il collegamento fra sindrome mano-piede e la qualità delle impronte digitali in 337 set da 10 impronte, provenienti da 112 pazienti in terapia giornaliera con capecitabina (sia come monoterapia che in terapia combinata) o con un inibitore della tirosin-chinasi.

La maggior parte dei pazienti erano in terapia per cancro al colon o epatocarcinoma: 66 pazienti erano in terapia con capecitabina e 46 con inibitori della tirosin-chinasi.

Le impronte digitali dei soggetti sono state rilevate prima della terapia, dopo 6-10 settimane dall'inizio della terapia e dopo la sospensione della terapia.

Entro 8 settimane dall'inizio della terapia è stata rilevata una diminuzione nella qualità delle impronte digitali di 9 pazienti (14%) nel gruppo capecitabina e in uno (2%) dei pazienti del gruppo trattato con l'inibitore della tirosin-chinasi sunitinib (Sutent, di Pfizer).

La sindrome mano-piede è stata osservata in 46 pazienti (70%) del gruppo capecitabina e in 21 pazienti (46%) del gruppo trattato con inibitori della tirosin-chinasi. Tuttavia, la sindrome mano-piede non è stata associata alla scomparsa delle impronte digitali.

"I pazienti possono sviluppare la sindrome mano-piede senza che scompaiano le loro impronte digitali e viceversa, perciò l'eziologia dei due fenomeni non è la stessa. Inoltre, non siamo ancora certi di quale sia il valore di un fenomeno come la scomparsa delle impronte digitali, dal punto di vista clinico", ha commentato il Dr. Mathijssen.

I medici dovrebbero avvertire i pazienti in terapia con capecitabina della possibilità di perdere le proprie impronte digitali, specialmente se si tratta di pazienti che hanno in programma viaggi all'estero.

 

Riferimenti:

JAMA Oncology, edizione online del 25 agosto 2016; doi:10.1001/jamaoncol.2016.2638