link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Melanoma infantile: maggiore disseminazione ai linfonodi ma migliore sopravvivenza

child medical esamination

Secondo i risultati di un recente studio, i bambini con melanoma al capo o al collo hanno più alte probabilità di disseminazione ai linfonodi ma migliori tassi di sopravvivenza.

"La profondità media del tumore è simile nei pazienti adulti e nei bambini", scrivono il Dr. Morgan K. Richards, del Seattle Children's Hospital, e colleghi nello studio pubblicato l'8 settembre nell'edizione online di JAMA Otolaryngology — Head & Neck Surgery. "Ma sebbene il melanoma sia piuttosto raro nei bambini, il tasso di incidenza è in crescita del 3% annuo per le persone al di sotto dei 20 anni di età".

Studi precedenti sembrano suggerire che il melanoma si presenta in maniera diversa nei bambini rispetto agli adulti, con lesioni di maggior elevazione, a sottotipo istologico nodulare e con un maggiore spessore di Breslow. Per studiare queste differenze, i ricercatori hanno esaminato i dati provenienti dal National Cancer Database relativi a 84.744 pazienti (di cui l'0,8% sotto i 18 anni di età) durante il periodo 1998-2012. L'età media dei pazienti pediatrici era di 13,5 anni.

I ricercatori hanno osservato che i sottotipi istologici erano diversi nei bambini rispetto agli adulti; i pazienti più giovani avevano più probabilità di presentare melanomi a diffusione superficiale e meno probabilità di presentare a lentigo maligna. La profondità media del tumore era di 1,54 mm per i bambini e 1,39 mm per gli adulti.

I pazienti pediatrici avevano una probabilità più alta del 23,9% di avere metastasi con diffusione ai linfonodi. Tuttavia, il tasso di sopravvivenza a cinque anni era più alto per ogni stadio della malattia (differenza del 18% al I stadio, del 36% al II stadio, del 39% al III stadio e 2% al IV stadio). I pazienti pediatrici avevano anche più probabilità di essere sottoposti a immunoterapia.

"Quasi il 30% dei pazienti in età pediatrica presentavano melanoma di III o IV stadio, rispetto al 15% dei pazienti adulti", scrivono gli autori, "e ci sono diverse ipotesi per spiegare i risultati da noi ottenuti: il melanoma è meno comune nei pazienti pediatrici, il che significa che è più difficile che esso diventi un'ipotesi diagnostica negli esami di routine, inoltre eseguire una biopsia su un paziente in età pediatrica generalmente richiede l'uso di una qualche forma di anestesia, situazione che rende i medici più restii a richiedere questo tipo di esame, con conseguenti ritardi nella diagnosi."

"Molti credono che i bambini non possano morire di melanoma, ma il nostro studio dimostra il contrario", concludono gli autori, "ancora non sappiano se questo dipenda dal melanoma in sé o dalle complicazioni derivanti dalle terapie usate per combatterlo, perciò più studi per chiarire le differenze fisiopatologiche responsabili del più alto tasso di sopravvivenza osservato nei pazienti pediatrici con melanoma."

Riferimenti:

JAMA Otolaryngology — Head and Neck Surgery, edizione online del 08 settembre 2016; doi:10.1001/jamaoto.2016.2630