link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

I tatuaggi aiutano i pazienti con cicatrici e innesti epidermici

Tatuaggio correttivo

Secondo i risultati di uno studio olandese, i pazienti che ricorrono ai tatuaggi per coprire innesti epidermici e cicatrici facciali si sentono più a loro agio con il proprio aspetto e notano un miglioramento nella la qualità della vita.

Il ricorso ai tatuaggi per camuffare l'aspetto di cicatrici e altri danni cutanei non è una pratica di recente adozione, il termine tecnico è 'tatuaggio estetico correttivo'. Questo tipo di tatuaggio usa colorazioni simili a quelle della pelle per mimetizzare le discromie relative alle aree cicatriziali e gli innesti epidermici e sebbene non abbia scopo curativo, i risultati ottenuti tramite questo tipo di trattamento portano significativi benefici ai pazienti, secondo il Dr. Rick Van De Langenberg, uno degli autori dello studio.

"Le cicatrici e gli innesti risultano spesso in discromie che possono influenzare negativamente il benessere psicofisico dei pazienti, specialmente quando interessano l'area del viso e sono perciò costantemente visibili", ha proseguito il Dr. Van De Langenberg, ricercatore presso il Diakonessen Hospital di Utrecht.

I ricercatori hanno studiato 76 pazienti che sono ricorsi al tatuaggio correttivo per coprire cicatrici e innesti conseguenti a terapie contro il cancro. La maggior parte dei pazienti era di sesso femminile e l'età dei partecipanti allo studio era compresa fra i 19 e gli 86 anni. Molti dei partecipanti erano stati colpiti da cancro cutaneo o melanoma, altri avevano avuto tumori del cavo orofaringeo, della tiroide o di altro tipo.

I ricercatori hanno chiesto ai pazienti di valutare l'aspetto delle proprie cicatrici o innesti su una scala da 0 a 10 (0= "molto sgradevole" e 10= "molto gradevole") prima e dopo aver ricevuto un tatuaggio correttivo. Dopo il tatuaggio, il punteggio medio è salito da 4 punti a 7,8.

Inoltre, i ricercatori hanno chiesto ai pazienti di valutare il proprio livello di preoccupazione circa la visibilità e l'aspetto della cicatrice o dell'innesto e l'influenza sulla qualità della loro vita su una scala da 1 a 5 (1= "nessuna influenza" e 5= "forte influenza"). Il questionario comprendeva 9 domande e dopo il tatuaggio i pazienti hanno mostrato un miglioramento di circa un punto nei punteggi relativi a ciascun quesito presente nel questionario.

"Uno dei limiti dello studio è dato dal suo coinvolgere unicamente pazienti che avevano già deciso di sottoposi a tatuaggio correttivo e che perciò potrebbero essere stati più preoccupati dal loro aspetto rispetto ad altri pazienti con cicatrici o innesti", sottolineano gli autori.

Inoltre, poiché i ricercatori hanno intervistato i pazienti dopo la procedura correttiva e hanno chiesto loro di valutare il loro grado di soddisfazione comparandolo rispetto al passato, è possibile che "i pazienti che più hanno tratto benefici dalla procedura siano stati i più inclini a prendere parte allo studio", si legge nell'articolo pubblicato il 22 settembre in JAMA Facial Plastic Surgery.

Tuttavia "i risultati vanno ad aggiungersi ad un corpus di prove a favore degli interventi correttivi sulle cicatrici e sugli innesti, che sembrano in grado di influenzare profondamente e positivamente la qualità della vita dei pazienti" ha commentato la Dr.ssa Jill Waibel del Miami Dermatology and Laser Institute.

Ci sono tutti via alcuni rischi da considerare: i tatuaggi correttivi, come i tatuaggi comuni, possono infettarsi e portare alla formazione di cicatrici e inoltre il ricorso al tatuaggio correttivo può rendere più difficile l'impiego di certe tecniche di imaging diagnostico in futuro.

 

Riferimenti:

JAMA Facial Plastic Surgery, edizione online del 22 settembre 2016; doi:10.1001/jamafacial.2016.1084