link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Errori frequenti nella diagnosi del leucoderma da melanoma

0804 tossicità cutanea

Secondo i risultati di un recente studio, nel contesto del melanoma può essere difficile anche per gli esperti distinguere vitiligine e leucoderma; per evitare cruciali ritardi nella diagnosi, i medici dovrebbero esaminare accuratamente i pazienti.

La Dr.ssa Janny E. Lommerts dell'Academic Medical Center di Amsterdam, e colleghi hanno condotto uno studio comparativo in cieco sui rilievi fotografici relativi a 44 pazienti (11 con leucoderma da melanoma e 33 con vitiligine), seguito da un'analisi della storia clinica dei pazienti.

La coorte aveva una proporzione di 1:3 fra pazienti con leucoderma da melanoma e pazienti con vitiligine, ma questo non era noto a nessuno dei quattro esperti che hanno valutato le immagini in formato digitale e che hanno successivamente risposto ad un questionario in due parti.

La prima parte riguardava la diagnosi basata sull'esame delle fotografie, mentre la seconda parte era una valutazione basata sulle fotografie e sulla storia clinica del paziente.

In media, dopo la sola disamina dei reperti fotografici, gli esperti hanno emesso una diagnosi errata nel 72,7% dei casi di leucoderma da melanoma. Dopo la valutazione della storia clinica, una media del 63,6% dei pazienti avevano ricevuto una diagnosi errata di leucoderma da melanoma.

In media all'80% dei pazienti con una diagnosi errata di leucoderma da melanoma è stata diagnosticata vitiligine, rispetto al 66,9% dei casi correttamente identificati come vitiligine.

"Nei casi di diagnosi corretta di vitiligine, la certezza della diagnosi era maggiore in tre esaminatori su quattro, rispetto ai casi di leucoderma da melanoma", si legge nell'articolo pubblicato nell'edizione online del 4 ottobre del Journal of the American Academy of Dermatology.

Lo studio non ha identificato differenze significative fra vitiligine e leucoderma da melanoma in termini di presentazione clinica, non sono infatti emersi specifici pattern morfologici nei pazienti con leucoderma da melanoma né in quelli affetti da vitiligine. Inoltre, i ricercatori non sono riusciti a rilevare differenze significative fra i pazienti con leucoderma da melanoma insorto prima o durante l'immunoterapia.

"I risultati dello studio dimostrano come persino esperti del settore non siano in grado di distinguere con certezza vitiligine e leucoderma da melanoma", scrivono gli autori dello studio.

"Questo studio è molto importante perché dimostra quanto ingannevoli possano essere le similitudini fra vitiligine, un disordine della pigmentazione cutanea di natura per lo più benigna, e il leucoderma da melanoma, una condizione piuttosto rara associata a tumori maligni", ha commentato il Dr. Roger Egbers, del dipartimento di Dermatologia del Johns Hopkins Hospital di Baltimora.

Il Dr. Egbers, che non ha partecipato allo studio, ritiene che i pazienti con diagnosi di vitiligine dovrebbero sottoporsi ad un esame cutaneo completo: "I risultati di questo studio potrebbero rendere i medici più inclini a portare a termine ispezioni cutanee complete nei pazienti con vitiligine, a seconda delle circostanze e della storia clinica del paziente".

La Dr.ssa Caroline C. Kim, direttrice della Pigmented Lesion Clinic presso il Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, ha espresso un parere simile: "Questo studio, per quanto limitato, mostra come sia difficile distinguere la depigmentazione dovuta a leucoderma da melanoma da quella associata alla vitiligine e suggerisce che sarebbe utile sottoporre i pazienti con depigmentazione ad un esame cutaneo completo".

La Dr.ssa Kim ha anche fatto notare che i tassi di incidenza del melanoma sono in crescita e questo rende sempre più cruciale una diagnosi tempestiva.

Riferimenti:

Lommerts, Janny E. et al. — "Melanoma-associated leukoderma and vitiligo cannot be differentiated based on blinded assessment by experts in the field", Journal of the American Academy of Dermatology, edizione online del 4 ottobre 2016; doi:10.1016/j.jaad.2016.07.060