link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Nuove linee guida per la diagnosi e la terapia dell'angioedema ereditario

guidelines 3

Un pannello di esperti ha redatto delle nuove linee guida per la diagnosi e il trattamento dei pazienti con angioedema ereditario dovuto alla carenza di C1 esterasi-inibitore (C1-INH).

Le nuove linee guida sono state redatte dal comitato consultivo della Hereditary Angioedema Association e pubblicate nel numero di novembre di Pediatrics; l'obiettivo principale è quello di aiutare i medici a identificare e diagnosticare correttamente l'angioedema ereditario e fornire loro informazioni sulla gestione degli attacchi e sulla profilassi da impiegare con i pazienti pediatrici colpiti da angioedema ereditario.

Il pannello, sotto la direzione del Dr. Michael Frank del Duke Medical Center di Durham, ha sottolineato come l'angioedema ereditario sia una patologia ereditaria potenzialmente mortale caratterizzata dalla comparsa di gonfiori della cute, intenso dolore addominale e ingrossamento delle vie respiratorie.

Nei soli Stati Uniti si stima che questa patologia colpisca una persona ogni 50.000.

Gli attacchi di angioedema ereditario cominciano nell'infanzia, ma spesso questa patologia non viene diagnosticata tempestivamente, come sottolineato dagli autori delle nuove linee guida.

Una volta diagnosticato con angioedema ereditario, gli esperti raccomandano che il paziente sia seguito da vicino da un medico con esperienza e familiarità nella diagnosi e nel trattamento di questa condizione, per via della sua complessa natura. Il medico specialista dovrebbe lavorare in tandem con il medico di base e con le strutture alle quali è affidata la cura del paziente, per assicurarsi che i piani terapeutici siano aggiornati tempestivamente e seguiti attentamente.

Il pannello di esperti consiglia anche che i pazienti e le loro famiglie vengano educati circa la malattia e che vengano condotti test sui restanti componenti del nucleo familiare "dato l'alto rischio di mortalità associato all'angioedema ereditario non diagnosticato e in considerazione del fatto che in alcuni pazienti le manifestazioni di questa patologia insorgono soltanto in età adulta".

Per quanto riguarda il trattamento, gli attacchi di angioedema ereditario non rispondono a epinefrina, antistaminici o glucocorticoidi, tuttavia il pannello di esperti fa notare come "recenti scoperte nel campo della fisiopatologia di questa condizione abbiano portato allo sviluppo di trattamenti farmacologici efficaci".

Gli approcci terapeutici all'angioedema ereditario comprendono sia terapie per le fasi acute, da somministrarsi al momento della comparsa degli attacchi, sia trattamenti di tipo profilattico, mirati a prevenire o a ridurre al minimo il numero e la gravità degli attacchi.

Negli Stati Uniti al momento l'agenzia per il farmaco Food and Drug Administration ha approvato Cinryze, danazolo e acido tranexamico per la terapia profilattica; mentre per la fasi acute sono stati approvati Berinert, Ruconest, Icatibant e plasma fresco congelato.

"È importante che i pazienti ricevano un'adeguata terapia per la gestione del dolore e che abbiano accesso diretto a strutture sanitarie adeguate in caso di un attacco", scrivono gli autori delle linee guida.

Altrettanto importante, secondo gli esperti, è monitorare la frequenza e l'intensità degli attacchi: "la gravità dell'angioedema ereditario è estremamente variabile, tanto fra pazienti diversi che nel corso della vita di un singolo paziente: ci sono pazienti che non presentano alcun sintomo per anni e poi, improvvisamente, cominciano ad avere attacchi frequenti. Per questo è necessario che il medico sia informato della frequenza e gravità degli attacchi e di tutti i potenziali fattori scatenanti, la cui gestione è di fondamentale importanza nel quadro della terapia dell'angioedema ereditario".

Il pannello consiglia a ciascun paziente di tenere un registro aggiornato di tutti gi attacchi, di qualsiasi intensità essi siano (leggeri, moderati o gravi), con descrizioni dettagliate delle caratteristiche di ogni attacco, compresa la zona del corpo colpita, l'intensità, gli eventuali trattamenti e la risposta a questi ultimi.

Riferimenti:

Michael M. Frank et al. — "Management of Children With Hereditary Angioedema Due to C1 Inhibitor Deficiency"
Pediatrics, November 2016, Vol. 138, 5; doi: 10.1542/peds.2016-0575.