link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Screening personalizzati per la prevenzione del melanoma

Personalized screening

Uno studio pubblicato nell'edizione online del 9 novembre di JAMA Dermatology indica che i fattori di rischio dei singoli pazienti potrebbero presto essere usati per personalizzare le procedure di prevenzione e di screening.

 "I risultati del nostro studio indicano che il profilo di rischio di un soggetto può essere usato per creare un programma di prevenzione e screening personalizzato, con tempistiche e modalità differenti a seconda delle necessità", scrivono la Dr.ssa Caroline G. Watts, della Sydney School of Public Health della University of Sydney in Australia, e colleghi. "Se questo tipo di approccio allo screening e alla prevenzione entrasse a far parte delle raccomandazioni per la pratica clinica esso porterebbe enormi benefici in termini di efficacia preventiva, soprattutto nei soggetti maggiormente a rischio."

Sono molti i fattori associati ad un aumento del rischio di melanoma cutaneo, fra cui: presenza di numerosi nevi, anamnesi familiare positiva per il melanoma e una storia clinica di precedente melanoma. Per tutti i soggetti considerati 'a rischio' per questo tipo di tumore cutaneo, le linee guida raccomandano esami e controlli regolari, l'educazione del paziente circa l'uso di protezioni solari e l'incoraggiamento a condurre regolari auto-esami della pelle.

Per migliorare l'identificazione, la diagnosi e il trattamento dei soggetti ad alto rischio di melanoma, la Dr.ssa Watts e colleghi hanno usato i dati provenienti dallo studio Melanoma Patterns of Care per identificare le caratteristiche cliniche associate al melanoma nel quadro di specifici profili di rischio. Lo studio osservazionale dal quale provengono i dati aveva come obiettivo la valutazione della gestione clinica dei pazienti diagnosticati con melanoma fra l'ottobre del 2006 e l'ottobre del 2007 nello stato del New South Wales, in Australia.

Sui 2727 partecipanti allo studio, 1052 (39%) sono stati identificati come soggetti ad alto rischio. I fattori di rischio principali erano la presenza di molti nevi (62%), seguita da una storia personale (42%) e familiare (28%) di melanoma.

Rispetto agli individui non a rischio, i pazienti ad alto rischio avevano più spesso melanomi a diffusione superficiale (49% contro 45%), una minore incidenza di melanomi da lentigo maligna (12% contro 15%, P=0,007) e un minor numero di melanomi con spessore superiore a 1 mm (29% contro 32%, P=0,001).

I ricercatori hanno anche osservato che l'età della diagnosi per i pazienti ad alto rischio era più bassa della media (62 contro 65 anni, P=0,001), sebbene le età medie alla diagnosi differiscano a seconda del fattore di rischio: 56 anni per i pazienti con una storia familiare di melanoma, 59 anni per i soggetti con numerosi nevi e 69 per i soggetti con una storia personale di melanoma. Nel gruppo ad alto rischio, l'età media alla diagnosi è rimasta consistentemente più bassa della media rispetto a qualsiasi area cutanea di comparsa del melanoma.

I ricercatori hanno anche osservato delle differenze significative nella zona di comparsa del melanoma fra il gruppo ad alto rischio e quello a basso rischio. I pazienti ad alto rischio per via del numero molto alto di nevi avevano più probabilità di sviluppare un melanoma nella zona del torace (41% contro 29%, P=0,001), mentre i pazienti con una storia familiare di melanoma avevano una maggiore probabilità di sviluppare un melanoma localizzato agli arti inferiori o superiori (57% contro 42%, P=0.001) e i soggetti con una storia personale di melanoma avevano più probabilità di sviluppare un melanoma localizzato al collo o al capo (21% contro 15%, P=0,003).

Indipendentemente dal gruppo di appartenenza, "nei soggetti di sesso maschile è stata rilevata una maggiore incidenza di melanoma al collo o al capo rispetto ai soggetti di sesso femminile e una minore incidenza di melanomi localizzati agli arti inferiori o superiori (P=0,001).

Gli autori non mancano di sottolineare alcuni dei limiti dello studio, fra i quali l'identificazione dei fattori di rischio basata sulle cartelle cliniche dei pazienti e sui dati forniti dai singoli medici, senza previa valutazione della loro affidabilità ed effettiva validità; inoltre non sono stati considerati altri fattori di rischio conosciuti come il colore dei capelli, il fototipo o l'uso di tabacco.

Tuttavia gli autori evidenziano come i risultati dello studio potrebbero, se incorporati nella pratica clinica e nelle linee guida per la prevenzione ed il trattamento del melanoma, portare ad esiti migliori, soprattutto per i soggetti ad alto rischio.

Riferimenti:

Watts G. et al — "Clinical Features Associated With Individuals at Higher Risk of Melanoma", JAMA Dermatology, edizione online del 9 Novembre 2016; doi:10.1001/jamadermatol.2016.3327