link1022 link1023 link1024 link1025 link1026 link1027 link1028 link1029 link1030 link1031 link1032 link1033 link1034 link1035 link1036 link1037 link1038 link1039 link1040 link1041 link1042 link1043 link1044 link1045 link1046 link1047 link1048 link1049 link1050 link1051 link1052 link1053 link1054 link1055 link1056 link1057 link1058 link1059 link1060 link1061 link1062 link1063 link1064 link1065 link1066 link1067 link1068 link1069 link1070 link1071 link1072 link1073 link1074 link1075 link1076 link1077 link1078 link1079 link1080 link1081 link1082 link1083 link1084 link1085 link1086 link1087 link1088 link1089 link1090 link1091 link1092 link1093 link1094 link1095 link1096 link1097 link1098 link1099 link1100 link1101 link1102 link1103 link1104 link1105 link1106 link1107 link1108 link1109 link1110 link1111 link1112 link1113 link1114 link1115 link1116 link1117 link1118 link1119 link1120 link1121 link1122 link1123 link1124 link1125 link1126 link1127 link1128 link1129 link1130 link1131 link1132 link1133 link1134 link1135 link1136 link1137 link1138 link1139 link1140 link1141 link1142 link1143 link1144 link1145 link1146 link1147 link1148 link1149 link1150 link1151 link1152 link1153 link1154 link1155 link1156 link1157 link1158 link1159 link1160 link1161 link1162 link1163 link1164 link1165 link1166 link1167
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Glucocorticoidi e ciclosporina per la sindrome di Stevens-Johnson

Stevens Johnson Syndrome

Secondo una meta analisi di recente pubblicazione, glucocorticoidi e ciclosporina sono alla base della più promettente terapia sistemica per ridurre la mortalità della sindrome di Stevens-Johnson e della necrolisi epidermica tossica.

Tuttavia, la terapia con immunoglobuline per via intravenosa non ha mostrato alcuna efficacia e non può essere raccomandata per trattare la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi epidermica tossica, che comprende vari gradi di distacco dell'epidermide necrotica ed erosione delle mucose.

"La nostra valutazione dei dati a disposizione sulle terapie per queste due condizioni può essere utile ai medici per ottenere un miglioramento immediato delle condizioni dei pazienti", ha spiegato l'autrice principale, Dr.ssa Maja Mockenhaupt dell'università di Freiburg in Germania.

I farmaci sono la principale causa scatenante della sindrome di Stevens-Johnson e della necrolisi epidermica tossica, seguiti dalle infezioni. I ricercatori credono che la morte programmata delle cellule dell'epidermide osservata in queste patologie dermatologiche sia causata da linfociti T citotossici e mediata da citochine.

Oltre alle cruciali terapie di supporto per i sintomi dermatologici, per trattare la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi epidermica tossica vengono usate numerose immunoterapie sistemiche per cercare di fermare la progressione della necrosi cutanea, ma a causa della rarità di queste reazioni, spesso fatali, mancano dati a supporto della standardizzazione di un protocollo di trattamento. "La nostra indagine sulle immunoterapie usate nei casi di sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica vuole rappresentare un passo avanti verso la definizione di un protocollo di trattamento", ha chiarito la Dr.ssa Mockenhaupt.

L'autrice principale fa inoltre notare come "gli studi precedenti sull'efficacia delle immunoterapie nel quadro della sindrome di Stevens-Johnson e della necrolisi epidermica tossica hanno analizzato campioni limitati, senza una valutazione comparativa e stratificata".

Per capire come le terapie sistemiche influissero sulla sopravvivenza rispetto alle terapie di supporto, i ricercatori hanno analizzato la letteratura medica, restringendo infine la loro analisi a 96 studi, per un totale di 3.248 pazienti. Alcuni pazienti sono stati sottoposti contemporaneamente alla terapia sistemica e alle terapie di supporto. Le terapie farmacologiche analizzate comprendevano sostanze quali: glucocorticoidi, immunoglobuline per via intravenosa, ciclosporina, plasmaferesi, talidomide, ciclofosfamide, inibitori del fattore di necrosi tumorale e/o fattori stimolanti le colonie di granulociti.

Come si legge nell'articolo pubblicato il 22 marzo 2017 nell'edizione online di JAMA Dermatology, "dalle analisi dei dati aggregati provenienti dagli studi e dalle analisi dei dati dei singoli pazienti, che si sono avvalse di tre diversi modelli, è emerso che i glucocorticoidi sono stati associati a un innalzamento della sopravvivenza secondo tutti e tre i modelli di analisi, sebbene il beneficio sia risultato statisticamente rilevante soltanto in un modello (odds ratio 0,7)".

Secondo l'analisi dei dati relativi ai pazienti coinvolti in uno studio condotto da ricercatori francesi, anche la ciclosporina è associata a un miglioramento della sopravvivenza (odds ratio 0,1). Gli autori sottolineano come fra i 40 pazienti trattati con ciclosporina non si sia verificato alcun decesso. Nessuno degli altri trattamenti, incluse le immunoglobuline per via intravenosa, è stato associato a una riduzione della mortalità.

La Dr.ssa Mockenhaupt ha dichiarato che il suo team di ricercatori non è stato affatto sorpreso dai risultati: "Sapevamo già che i nostri colleghi francesi avevano ottenuto ottimi risultati con la terapia a base di ciclosporina, risultati superiori a quelli pubblicati nel loro studio del 2010", ha spiegato, “Mentre i dati sui benefici della terapia a base di glucocorticoidi provengono dal nostro database nazionale".

I trattamenti immunomodulatori sembrerebbero in grado di arrestare la progressione della malattia, "specialmente quando vengono somministrati tempestivamente", ha spiegato la Dr.ssa Mockenhaupt: "La ciclosporina sembra essere il candidato più promettente da questo punto di vista e alcuni degli studi analizzati dimostrano come essa sia in grado di fermare la progressione del distaccamento cutaneo, mentre per i glucocorticoidi è stato dimostrato un beneficio generico non meglio specificabile".

Tuttavia, "la terapia immunomodulatrice non può rimpiazzare le terapie di supporto studiate da un team multidisciplinare, che rappresentano un elemento fondamentale della gestione dei pazienti affetti da sindrome di Stevens-Johnson o necrolisi epidermica tossica", ha concluso l'autrice principale dello studio.

Riferimenti:

Zimmermann S, Sekula P, Venhoff M, Motschall E, Knaus J, Schumacher M, Mockenhaupt M. — "Systemic Immunomodulating Therapies for Stevens-Johnson Syndrome and Toxic Epidermal Necrolysis, a Systematic Review and Meta-analysis", JAMA Dermatology, edizione online del 22 marzo 2017; doi:10.1001/jamadermatol.2016.5668