link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Reazioni entusiastiche per la nuova combinazione contro il melanoma

melanoma 3

Più di un esperto indipendente ha definito "promettenti ed emozionanti" i risultati dell'aggiunta di inoximod, un inibitore del pathway dell'enzima IDO (indoleamina-2,3-diossigenasi), al trattamento standard a base di pembrolizumab in pazienti con melanoma avanzato nell'ambito di uno studio di fase 2.

I risultati dello studio denominato "NLG2103", presentati il 4 aprile 2017 nel corso del congresso annuale dell'American Association for Cancer Research (AACR), sono "stupefacenti" anche secondo il parere della Dr.ssa Laura Q.M. Chow, relatrice dello studio e ricercatrice presso la University of Washington, di Seattle.

"Crediamo che si tratti del più grande database accessibile al pubblico sui pazienti con melanoma trattati con inibitori IDO", ha commentato il ricercatore principale, Dr. Yousef N. Zakharia, della University of Iowa, di Iowa City. "I dati supportano il passaggio alla fase 3 dello sviluppo di una combinazione di indoximod/ pembrolizumab per il trattamento del melanoma in stadio avanzato", ha aggiunto.

Tra i 60 pazienti che è stato possibile valutare, trattati con la terapia combinata, il tasso di risposta globale (ORR) è stato del 52% e il tasso di controllo della malattia (DCR) è stato del 73%. Il Dr. Zakharia, seppur prendendo le distanze da qualsiasi tipo di comparazione diretta, ha tenuto a sottolineare come lo studio di fase 3, denominato KEYNOTE-006, che ha portato all'approvazione della terapia mono-agente a base di pembrolizumab, abbia avuto un tasso di risposta globale del 33%. È bene ricordare anche che gli studi condotti in precedenza sugli inibitori dei checkpoint immunitari hanno mostrato un livello di tossicità molto più alto.

Questo studio multicentrico, in aperto e a braccio singolo è stato condotto su 102 pazienti con melanoma metastatico non resecabile: i pazienti sono stati trattati con un inibitore dei checkpoint (pembrolizumab, ipilimumab o nivolumab, secondo la scelta del loro medico curante) in combinazione con indoximod, 1.200 mg due volte al giorno, fino al raggiungimento della tossicità o di una progressione.

"La maggioranza dei pazienti aveva una malattia al IV stadio, metà di essi avevano una malattia di stadio 1C (ossia con metastasi distanti, che interessavano l'esterno del polmone e i linfonodi) e nessuno di essi era stato sottoposto in precedenza a una terapia con inibitori dei checkpoint", ha spiegato il Dr. Zakharia. La maggior parte dei pazienti (n = 94) sono stati trattati con la combinazione pembrolizumab/indoximod.

Va sottolineato che i pazienti con melanoma oculare (n = 9) non sono stati esclusi dallo studio: "Come ben sappiamo, il melanoma oculare è una malattia aggressiva che non risponde ai trattamenti sistemici attualmente disponibili", ha chiarito il Dr. Zakharia. "Se avessimo escluso questo sottogruppo di pazienti, il tasso di risposta globale sarebbe stato del 59% mentre il tasso di controllo della malattia sarebbe stato dell' 80%".

"Questo è un incredibile miglioramento rispetto ai tassi di risposta osservati fino a questo punto negli studi clinici condotti sull'uso inibitori IDO o pembrolizumab usati singolarmente", ha commentato il Dr. Vilgelm.

"Se i tassi di risposta e i profili di sicurezza verranno confermati anche in coorti più grandi, significherebbe che la combinazione di pembrolizumab e indoximod può effettivamente migliorare gli esiti per i pazienti con melanoma, senza ridurre la qualità della loro vita. Questi primi risultati sono estremamente interessanti, anche se servono studi su campioni più grandi per verificare l'efficacia e la sicurezza delle terapie che combinano inibitori IDO e agenti anti-PD-1".

Anche il Dr. Louis M. Weiner, direttore del Georgetown Lombardi Comprehensive Cancer Center di Washington e moderatore della conferenza stampa, ha definito i risultati "sorprendentemente incoraggianti": "ci troviamo di fronte a un esempio di terapia che si avvale di sostanze pensate per essere usate in combinazione (con un vasto corpo di letteratura scientifica a supporto) e che sembra essere in grado di offrire un'opzione terapeutica efficace contro il melanoma. Dal punto di vista scientifico, si tratta di una scoperta epocale".

 

Riferimenti:

Congresso annuale 2017 della American Association for Cancer Research (AACR), Abstract CT117, presentato il 4 aprile 2017