link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Sarcoma dei tessuti molli: sottotipi e implicazioni terapeutiche

randomized control trial group

Le differenze nei profili immunologici dei diversi sottotipi di sarcoma dei tessuti molli potrebbero avere importanti implicazioni nel contesto delle terapie basate sugli inibitori dei checkpoint immunitari.

"L'esistenza di così tanti sottotipi diversi di sarcoma è sempre stata problematica", ha dichiarato il Dr. Seth M. Pollack del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, "i ricercatori, in particolare, vorrebbero fare di tutta l'erba un fascio, quando si tratta di sarcomi e credo che l'emergere dell'immunoterapia abbia fatto sperare molti in un trattamento unico per tutti i pazienti affetti da questa condizione. Questo studio dimostra che, dal punto di vista immunologico, si tratta di malattie molto diverse, che necessitano di approcci terapeutici specifici".

I sarcomi dei tessuti molli (STS) comprendono tumori 'semplici' come il sarcoma sinoviale (SS) e il liposarcoma mixoide/a cellule rotonde (MRCL), che spesso esprimono NY-ESO-1, così come tumori più 'complessi' come il sarcoma pleomorfo indifferenziato (UPS), il leiomiosarcoma (LMS) e i liposarcomi ben differenziati/dedifferenziati (WD/DD), che possono beneficiare dell'inibizione di checkpoint relativi alla morte programmata delle cellule (PD-1).

Il Dr. Pollack e colleghi hanno cercato di identificare i pattern biologici collegati alla risposta immunitaria, che potrebbero servire da punto di partenza per la progettazione di studi clinici sull'applicazione di particolari forme di immunoterapia al contesto del sarcoma dei tessuti molli, nonché aiutare nell'identificazione di pattern osservati in altri tipi di tumori.

Secondo l'articolo pubblicato il 2 maggio nel Cancer Online Report , il sarcoma pleomorfo indifferenziato e il leiomiosarcoma esprimono livelli più alti di geni correlati alla presentazione degli antigeni e all'infiltrazione dei linfociti. Il sarcoma pleomorfo indifferenziato ha la più altra infiltrazione di linfociti T, mentre il sarcoma sinoviale ha il più basso tasso di infiltrazione; il sarcoma pleomorfo indifferenziato, inoltre, è più oligoclonale sia rispetto al sarcoma sinoviale che al liposarcoma.

Per tutti i sarcomi, l'infiltrazione di linfociti T e la clonalità mostravano un'alta correlazione con l'espressione di PD-1 e del suo ligando PD-L1, più alta nel sarcoma pleomorfo indifferenziato che in tutti gli altri sarcomi dei tessuti molli.

"Credo che il dato più sorprendente sia l'incredibile differenziazione nella risposta immunitaria dei diversi tipi di sarcoma", ha osservato il Dr. Pollack, "I sarcomi pleomorfi indifferenziati sono tumori dalle caratteristiche infiammatorie molto pronunciate, mentre i sarcomi sinoviali e i liposarcomi a cellule rotonde sono i meno attivi dal punto di vista immunologico".

"È stato sorprendete anche scoprire la natura fortemente infiammatoria del leiomiosarcoma, considerati i dati deludenti sul trattamento dei pazienti affetti da leiomiosarcoma con inibitori dei checkpoint immunitari", ha aggiunto, "I dati da noi raccolti suggeriscono che con la giusta combinazione di inibitori dei checkpoint sarà possibile dare a questi pazienti un'opzione di trattamento efficace".

"Credo che questi dati, insieme a quelli dello studio SARC24, indichino che è il momento di sviluppare inibitori di PD-1 da impiegare contro il sarcoma pleomorfo indifferenziato", ha concluso il Dr. Pollack. "I sarcomi sinoviali e i liposarcomi mixoidi si sono rivelati i meno attivi dal punto di vista immunologico e potrebbero beneficiare meno degli inibitori PD-1, per questi pazienti sono più indicate le terapie che hanno come bersaglio NY-ESO-1".

 

Riferimenti:

Seth M. Pollack , Qianchuan He , Jennifer H. Yearley , Ryan Emerson et al. — T-cell infiltration and clonality correlate with programmed cell death protein 1 and programmed death-ligand 1 expression in patients with soft tissue sarcomas, Cancer, edizione online di aprile 2017; doi: 10.1002/cncr.30726

BP-PB. Email Validation