link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Melanoma: la maggior parte non ha origine da nevi preesistenti

melanoma examination

Contrariamente a quanto ipotizzato fino ad ora, solo una minoranza di melanomi ha origine da nevi preesistenti.

La notizia arriva da una revisione e da una meta-analisi della letteratura, dalle quali sono emersi dati che dimostrano come la maggior parte dei melanomi non abbia origine da una trasformazione maligna di nevi preesistenti.

"È molto importante sapere che la maggior parte dei melanomi ha origine de novo perché implica che ogni nuova lesione che compare sulla pelle di un adulto dovrebbe essere considerata sospetta", ha dichiarato la Dr.ssa Caterina Longo, dell'università di Modena e Reggio Emilia. "L'implicazione pratica è che sia i pazienti che i dottori dovrebbero condurre regolari e approfonditi esami della pelle e tutte le nuove lesioni che compaiono negli adulti dovrebbero essere considerate maligne fino a prova contraria", ha aggiunto.

Lo studio è stato pubblicato nell'edizione online del 29 agosto del Journal of the American Academy of Dermatology. Sotto la guida dell'autore principale, Dr. Riccardo Pampena, dell'Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, i ricercatori hanno esaminato 38 studi, per un totale di 20.126 melanomi. In questi studi, solo il 29,1% dei melanomi è stato associato a un nevo preesistente, perciò il 70,9% dei melanomi esaminati è comparso de novo.

I pazienti con melanoma originatosi da nevo preesistente erano significativamente più giovani, di circa 4,9 anni, rispetto a quelli con melanomi comparsi come nuove lesioni (P < 0,001). Non sono state individuate differenze sessuali significative nell'incidenza dei due tipi di melanoma, né sono state rilevate differenze riguardanti il sottotipo istologico o la localizzazione fra i melanomi sviluppatisi a partire da un nevo esistente e quelli originatisi de novo.

"Il sottotipo istologico più diffuso è stato il melanoma a diffusione superficiale e il tronco e le estremità sono state le aree di localizzazione più frequenti per entrambi i tipi di melanoma", osservano il Dr. Pampena e colleghi.

Negli studi in cui i melanomi sono stati caratterizzati sulla base dello spesso di Breslow, i ricercatori hanno notato che i melanomi originatisi da nevi preesistenti avevano spessore minore rispetto a quelli comparsi de novo, con una differenza media di -0,39 mm (P = 0,003). La Dr.ssa Longo ipotizza che questa differenza possa essere ricondotta al fatto che i pazienti con molti nevi si sottopongono più frequentemente a regolari controlli dermatologici.

I pazienti con un alto numero di nevi sono spesso più consapevoli della necessità di monitorare le lesioni e di annotare cambiamenti anche minimi, a differenza dei pazienti con melanoma comparso sotto forma di nuova lesione. 

Solo 13 dei 38 studi analizzati hanno operato una distinzione fra nevi congeniti e nevi acquisiti, ma a dispetto di questa limitazione, il Dr. Pampena e colleghi hanno calcolato che il 77,4% dei melanomi associati a nevi erano associati a nevi acquisiti, rispetto al 22,6% di melanomi associati a nevi congeniti.

Secondo la Dr.ssa Longo, le raccomandazioni che possono essere diffuse a partire da questa analisi sono piuttosto semplici: anzitutto, i medici di base dovrebbero attenersi ai protocolli standard per l'individuazione di lesioni a rischio da sottoporre a esame specialistico da parte di un dermatologo, mentre i dermatologi "dovrebbero controllare la pelle dei pazienti da cima a fondo e in particolare dovrebbero prestare attenzione ai pazienti con un numero elevato di nevi, perché esposti a un maggiori rischio di sviluppare melanomi anche se non necessariamente a partire da nevi preesistenti".

Lo studio è stato finanziato dal Ministero della Salute.

Riferimenti:

Pampena, Riccardo et al. — A meta-analysis of nevus-associated melanoma: Prevalence and practical implications, Journal of the American Academy of Dermatology, edizione online del 29 agosto ; doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2017.06.149