link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il propranololo può ritardare la progressione del melanoma cutaneo

melanoma

Secondo un piccolo studio prospettico il propranololo può estendere la sopravvivenza senza progressione nei casi di melanoma cutaneo.

Nell'articolo pubblicato il 28 settembre nella rivista JAMA Oncology, il Dr. Vincenzo de Giorgi, dell'università di Firenze, e colleghi scrivono che "i risultati confermano le recenti osservazioni su come i beta-bloccanti proteggano i pazienti con melanoma da eventuali recidive".

Gli autori fanno notare che "recenti studi di laboratorio hanno dimostrato che i beta-bloccanti prevengono l'angiogenesi e la migrazione delle cellule del melanoma, bloccando le risposte dipendenti dalla noradrenalina" e sottolineano che lo stress cronico sembra contribuire alla progressione del cancro, incluso il melanoma.

Nel 2011 De Giorgi e colleghi hanno notato che i pazienti con melanoma che assumevano beta-bloccanti per altre condizioni sembravano esibire un rischio ridotto di progressione della malattia. Lo studio attuale ha coinvolto 53 pazienti con melanoma di stadio compreso fra IB e IIIA: 19 hanno accettato di assumere 80 mg/die di propranololo come trattamento adiuvante off label, mentre i 34 pazienti che hanno rifiutato il propranololo sono serviti da gruppo di controllo.

Con un follow-up medio di tre anni, 14 soggetti appartenenti al gruppo di controllo (41,2%) hanno sperimentato una progressione del melanoma, rispetto ai 3 pazienti del gruppo beta-bloccanti (15,8%). Le morti sono state 5 nel gruppo di controllo (17,7%) e due nel gruppo propranololo (10,5%). Il rapporto di rischio, corretto per la progressione della malattia, associato all'uso del propranololo è stato di 0,18 (P=0,03).

Le caratteristiche demografiche e cliniche erano simili tra gli appartenenti al gruppo propranololo e quelli appartenenti al gruppo controllo, scrivono i ricercatori, che concludono: "Sono necessari studi clinici randomizzati controllati contro placebo per chiarire definitivamente il ruolo dei beta-bloccanti nella protezione contro il rischio di progressione del melanoma e per identificare il sottotipo di recettore coinvolto nell'effetto protettivo".

 

Riferimenti:

De Giorgi V., Grazzini M., Benemei S., Marchionni N., Botteri E., Pennacchioli E., Geppetti P., Gandini S. — Propranolol for Off-Label Treatment of Patients With MelanomaResults From a Cohort Study. JAMA Oncology, edizione online del 28 settembre 2017; doi:10.1001/jamaoncol.2017.2908