link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il giusto microbioma rende più efficace l'immunoterapia

microbioma

I pazienti con alti livelli di batteri intestinali 'buoni' rispondono meglio all'immunoterapia degli altri, forse in futuro sarà possibile manipolare il microbioma per rendere più efficaci farmaci che al momento funzionano solo su una piccola parte della popolazione.

I risultati di due diversi studi scientifici, pubblicati il 2 novembre nella rivista Science, illustrano l'importanza del microbioma (l'insieme dei microbi che vivono dentro ciascun individuo) e il ruolo da esso giocato nella patogenesi di molte condizioni, come la depressione o i problemi dell'apparato digerente.

La Dr.ssa Jennifer Wargo, coautrice di uno degli studi e afferente all'Anderson Cancer Center in Texas, spiega: "Intervenire sul microbioma è possibile e non è particolarmente complicato, perciò dai risultati di questi studi non possono che nascere nuove opportunità di cura".

Per manipolare il proprio microbioma è possibile ricorrere a diverse opzioni: in primis, cambiare la propria dieta, ma anche evitare gli antibiotici, assumere probiotici o — in casi estremi — ricevere un trapianto fecale.

I batteri 'buoni' sembrano in grado di aiutare a contrastare i tumori grazie alla loro capacità di attivare le cellule del sistema immunitario e, così facendo, spianare la strada ai farmaci PD-1, il cui compito è proprio sbloccare il sistema immunitario.

I farmaci immunoterapici hanno rivoluzionato l'approccio alla cura dei tumori, ma soltanto una percentuale ridotta di pazienti (compresa fra il 20% e il 30%) risponde adeguatamente a questo tipo di terapia e tanto i ricercatori quanto le compagnie farmaceutiche stanno conducendo studi per cercare di identificare con precisione quali soggetti siano in grado di beneficiarne maggiormente.

La scoperta di un collegamento fra la composizione del microbioma e la risposta all'immunoterapia risale al 2015, quando era stata identificata nei modelli murini. Adesso, un team di ricercatori afferenti al Gustave Roussy Cancer Campus in Francia ha analizzato i dati relativi a oltre 200 pazienti in terapia con farmaci PD-1 per tumori al polmone, ai reni o alla vescica e ha scoperto che gli individui che avevano assunto antibiotici, a causa di infezioni delle vie urinarie o ai denti, avevano peggiori prospettive di sopravvivenza.

Il gruppo della Dr.ssa Wargo, invece, ha esaminato i pazienti affetti da melanoma e ha scoperto che i soggetti che hanno risposto meglio all'immunoterapia erano quelli con il microbioma più diversificato. I ricercatori texani si sono dunque dedicati alla pianificazione di uno studio clinico che esaminerà i benefici di combinare l'immunoterapia con la modulazione del microbioma nei pazienti affetti da cancro.

Riferimenti:

Bertrand Routy, Emmanuelle Le Chatelier, Lisa Derosa, Connie P. M. Duong, Maryam Ti, et al. — Gut microbiome influences efficacy of PD-1–based immunotherapy against epithelial tumors, Science, edizione online del 2 novembre 2017; doi:10.1126/science.aan3706

V. Gopalakrishnan, C. N. Spencer, L. Nezi, A. Reuben, M. C. Andrews, et al. — Gut microbiome modulates response to anti–PD-1 immunotherapy in melanoma patients, Science, edizione online del 2 novembre 2017; doi: 10.1126/science.aan4236