link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

I probiotici riducono la severità della dermatite atopica?

dermatite atopica close up

Una formulazione di probiotici ad uso orale potrebbe ridurre la severità della dermatite atopica e ridurre al tempo stesso la necessità di usare unguenti steroidei nei pazienti più giovani, secondo i risultati di un recente studio.

"Il microbioma è essenziale per la crescita, l'alimentazione e lo sviluppo del sistema immunitario", spiega il Dr. Vincente Navarro-Lopez dell'Università di San Antonia in Murcia, in Spagna: "Certe alterazioni del microbioma potrebbero spiegare, almeno in parte, alcuni fenomeni epidemiologici umani come l'obesità e la dermatite atopica".

A partire dai risultati di precedenti ricerche su pazienti con dermatite atopica, ancora in corso di pubblicazione, il Dr. Navarro-Lopez e colleghi hanno condotto uno studio randomizzato, controllato contro placebo, della durata di 12 settimane, che ha coinvolto 50 bambini di età compresa fra i 4 e 17 anni, con un punteggio SCORAD (un indice per la misurazione della gravità della dermatite atopica) moderato.

Un gruppo ha ricevuto una capsula giornaliera di polvere liofilizzata con 109 unità formanti colonie totali dei ceppi probiotici Bifidobacterium lactis CECT 8145, B longum CECT 7347 e Lactobacillus casei CECT 9104 con maltodestrina come vettore. Il gruppo placebo ha ricevuto una capsula giornaliera contente soltanto maltodestrina.

Come si legge nell'articolo pubblicato l'8 novembre nell'edizione online di JAMA Dermatology, la riduzione media dei punteggi SCORAD nel gruppo probiotici è stata maggiore di 19,2 punti rispetto a quella del gruppo placebo, dopo 12 settimane di terapia.

"Abbiamo osservato una riduzione relativa dell'83% nel gruppo probiotici e del 24% nel gruppo di controllo", scrivono gli autori, che hanno osservato anche una riduzione significativa nell'uso di unguenti steroidei per la gestione dei sintomi.

"Quel che è sorprendente è come, con la normalizzazione della flora intestinale, si osservi un incredibile miglioramento dei sintomi e delle lesioni cutanee che affliggono il paziente, rendendo meno necessario il ricorso agli steroidi topici", sottolinea il Dr. Navarro-Lopez.

Lo studio è stato finanziato dalla compagnia farmaceutica Biopolis e Korott, che produce probiotici. Due degli autori sono impiegati presso la compagnia.

 

Riferimenti:

Vicente Navarro-López, Ana Ramírez-Boscá, Daniel Ramón-Vidal et al — Effect of Oral Administration of a Mixture of Probiotic Strains on SCORAD Index and Use of Topical Steroids in Young Patients With Moderate Atopic Dermatitis: A Randomized Clinical Trial, JAMA Dermatology, edizione online dell'8 novembre 2017; doi:10.1001/jamadermatol.2017.3647