link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Imaging di dominio della frequenza spaziale della composizione biochimica nelle macchie vino porto, in risposta alla terapia laser: uno studio pilota

port wineI metodi oggettivi per valutare la risposta delle macchie vino porto (PWS) al trattamento laser sono stati oggetto di numerose attività di ricerca per diversi anni. Qui, presentiamo uno studio pilota con l'utilizzo di un laser ad emissione luminosa (LED) di nuova concezione sulla base di un dispositivo di imaging di dominio della frequenza spaziale (SFDI) per registrare quantitativamente le variazioni nella composizione biochimica delle PWS, dopo la terapia laser.

STUDIO DI PROGETTAZIONE / PAZIENTI E METODI:

È stato utilizzato un sistema SFDI per visualizzare, prima e dopo cinque sessioni di trattamento per le PWS [n = 4 soggetti (in particolare, un soggetto è stato fotografato prima e dopo due trattamenti laser consecutivi)]. Sono state presentate le proprietà ottiche ad ampio campo derivate da SFDI (assorbimento e dispersione) e le concentrazioni cromofore dei tessuti tra cui quelle di ossi-emoglobina (ctO(2) Hb), di deossi-emoglobina (ctHHb), di emoglobina totale (ctTHb), e della saturazione tissutale di ossigeno (stO(2) ), tutto ciò per la pelle fotografata prima ed immediatamente dopo il trattamento laser. Le immagini derivate da SFDI sono state analizzate confrontando le misure di cui sopra in PWS con quelle della pelle normale e localizzando i cambiamenti immediatamente successivi all'esposizione laser.

RISULTATI:

È stata misurata un'elevata ossi-emoglobina (>20%) e un'elevata saturazione di ossigeno tissutale (>5%) in tutte le lesioni con PWS e queste sono state confrontate con i valori della pelle normale prima del trattamento. Il trattamento laser ha comportato un aumento della deossi-emoglobina (>100%), una diminuzione della saturazione di ossigeno tissutale (>10%), e una minore dispersione (>15%) di tutte le lesioni PWS. Un soggetto è stato seguito prima e dopo due trattamenti laser consecutivi e il miglioramento globale nello sbiancamento delle lesioni con PWS è stato stimato quantitativamente misurando una diminuzione del 45% del volume di sangue cutaneo.

CONCLUSIONE:

SFDI è una tecnica ottica ad ampio campo, rapida e senza contatto con un alto potenziale come dispositivo di imaging e che può essere utilizzata per quantificare i cambiamenti nella composizione biochimica delle PWS, dopo la terapia laser. Il lavoro futuro studierà la possibilità di SFDI a fornire una guida intra-operatoria per la terapia laser delle lesioni PWS, sulla base di ciascun paziente.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Spatial frequency domain imaging of port wine stain biochemical composition in response to laser therapy: A pilot study.

Rivista: Lasers Surg Med. 2012 Oct;44(8):611-21. doi: 10.1002/lsm.22067

Autori: Mazhar A, Sharif SA, Cuccia JD, Nelson JS, Kelly KM, Durkin AJ.

Affiliazioni: Beckman Laser Institute, University of California, Irvine, California 92612.

Abstract: 

BACKGROUND AND OBJECTIVE:

Objective methods to assess port wine stain (PWS) response to laser treatment have been the subject of various research efforts for several years. Herein, we present a pilot study using a newly developed, light emitting diode (LED) based spatial frequency domain imaging (SFDI) device to record quantitatively biochemical compositional changes in PWS after laser therapy.

STUDY DESIGN/PATIENTS AND METHODS:

A SFDI system was used to image before, and after, five PWS treatment sessions [n = 4 subjects (one subject was imaged before and after two consecutive laser treatments)]. SFDI derived wide-field optical properties (absorption and scattering) and tissue chromophore concentrations including oxy-hemoglobin (ctO(2) Hb), deoxy-hemoglobin (ctHHb), total hemoglobin (ctTHb), and tissue oxygen saturation (stO(2) ) are presented for skin imaged prior to and immediately after laser treatment. The SFDI derived images were analyzed by comparing the above measurements in PWS to those of normal skin and tracking changes immediately after laser exposure.

RESULTS:

Elevated oxy-hemoglobin (>20%) and tissue oxygen saturation (>5%) were measured in all PWS lesions and compared to values for normal skin prior to treatment. Laser treatment resulted in an increase in deoxy-hemoglobin (>100%), decrease in tissue oxygen saturation (>10%), and reduced scattering (>15%) in all PWS lesions. One subject was followed before and after two consecutive laser treatments and the overall improvement in PWS lesion blanching was quantitatively assessed by measuring a 45% decrease in dermal blood volume.

CONCLUSION:

SFDI is a rapid non-contact wide-field optical technique that shows potential as an imaging device that can be used to quantify biochemical compositional changes in PWS after laser therapy. Future work will investigate the potential of SFDI to provide intra-operative guidance for laser therapy of PWS lesions on an individual patient basis.