link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La Corte Americana: la dismorfofobia può invalidare il consenso informato

dismorfofobia2I Numeri

Il 16% dei pazienti dei chirurghi plastici e medici estetici americani soffrono del disturbo dismorfo fobico.

I dermatologi e gli altri professionisti del settore dovranno sempre tenere in grande considerazione la salute mentale del paziente.

 

Il Fatto

Una signora di 40 anni Americana, paziente del dermatologo in questione, si è sottoposta molte volte impianti di filler, anche di marche differenti, tossina botulinica e altre apparecchiature per l’estetica.

Ogni tre mesi circa la paziente si recava dal dottore per affrontare un nuovo trattamento estetico, da 15 anni.

L’anno passato la paziente ha avuto una necrosi cutanea da filler che ha esitato in una cicatrice permanente e sfigurante del volto. La donna è rimasta psicologicamente “devastata“.

Anche se il dottore ha condiviso la preoccupazione della paziente, le ha ricordato che nel corso degli ultimi 15 anni lei stessa aveva firmato i moduli di consenso — che documentano il rischio di formazione di cicatrici a causa dei vari procedimenti cosmetici — innumerevoli volte.

La paziente ha cercato quindi una seconda opinione da un chirurgo plastico e da un altro dermatologo, i quali hanno affermato che il dottore aveva sbagliato ad effettuare quelle metodiche poichè la paziente soffriva di disturbo dismorfo fobico e dunque avrebbe dovuto inviarla per un consulto psichiatrico e rifiutarsi di eseguire i trattamenti estetici.

A questo punto la paziente si è rivolta ad un legale che ha intentato causa al medico sulla base del fatto che il disturbo di dismorfofobia rende il consenso informato non valido.

Il medico è stato condannato a risarcire la paziente.

Il punto nella nostra professione

Anche se il disturbo dismorfofobico è presente nel 1% circa della popolazione in Italia, nella casistica dei professionisti dell’estetica questa prevalenza sale di molte volte (in America è stimata all’1% nella popolazione, al 16% nei pazienti dei chirurghi plastici).

Anche in Italia la legge permetterebbe una sentenza come quella della corte americana, dunque è necessaria una attenzione maggiore nella valutazione psicologica del paziente da parte del medico.

L’aiuto di INderma

Ricordiamo ai colleghi che iscritti di INderma che esistono alcuni esperti del settore disponibili ad aiutarci con pazienti di questo tipo, e che per sua scelta INderma, rende le consulenze fra professionisti assolutamente riservate.