link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

L'ablazione laser endovenosa delle vene perforanti incompetenti con fibra radiale da 1470 nm e 400 μm

Endovenous-Laser-AblationObiettivo: Valutare l'efficacia dell'ablazione laser endovenosa (EVLA) delle vene perforanti incompetenti (IPVs) con laser di 1470 nm e fibra radiale di 400 μm.

Dati: L'EVLA per le vene perforanti può essere eseguita con una morbidità post-procedurale insignificante. Questo permette di sottoporre a trattamento anche i pazienti più anziani con delle co-morbidità che possano evitare l'anestesia nel trattamento chirurgico o nella chirurgia endoscopica sottofasciale delle perforanti (SEPS).

Metodi: Un totale di 24 vene perforanti, in 16 arti di 13 pazienti sono state trattate tra Luglio 2010 e Dicembre 2011 nella nostra clinica. Le scansioni duplex di follow-up sono state effettuate a 1 settimana e 1, 3, 6, e 12 mesi dopo la procedura per determinare il risultato del trattamento.

Risultati: Delle 23 IPVs trattate, 20 (86.9%) sono state occluse dall'esame duplex a 12 mesi. L'energia media somministrata per ogni vena perforante trattata è stata di 174 J (range 105-236 J). Quattro delle cinque ulcere sono state guarite dopo 8 settimane nel gruppo C6 secondo la classificazione clinica, eziologica, anatomica e fisiopatologica (CEAP). Due pazienti hanno riferito di una parestesia localizzata, che si è attenuata spontaneamente, ma non è stata osservata trombosi venosa profonda o bruciore della pelle. Tutti i componenti del Punteggio di Severità Clinica Venosa (VCSS) hanno dimostrato significativi miglioramenti ad ogni visita post-procedurale (p<0.001 per tutti), fatta eccezione per la pigmentazione e la compressione, che hanno mostrato una variazione durante tutto il follow-up.

Conclusioni: Specialmente nel caso della pelle liposclerotica o ulcerata nella regione colpita, l'EVLA di IPVs con laser diodo di 1470 nm è altamente efficace e sicura, e sembra essere realizzabile. Inoltre, i trattamenti si ripetono con facilità nel caso in cui si ripresentino le IPVs.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Endovenous Laser Ablation of Incompetent Perforating Veins with 1470 nm, 400 μm Radial Fiber.

Rivista: Photomed Laser Surg. 2012 Nov;30(11):672-7. doi: 10.1089/pho.2012.3351. Epub 2012 Oct 3.

Autori: Dumantepe M, Tarhan A, Yurdakul I, Ozler A.

Affiliazioni: Department of Cardiovascular Surgery, Memorial Atasehir Hospital Istanbul , Turkey .

Abstract:

Objective: To evaluate the efficacy of endovenous laser ablation (EVLA) of incompetent perforating veins (IPVs) with 1470 nm laser with 400 μm radial fiber. Background data: EVLA for perforating veins can be performed with insignificant postprocedural morbidity. This allows treatment to be offered to elderly patients with comorbidities that would preclude anesthesia for surgical treatment or subfascial endoscopic perforator surgery (SEPS). Methods: A total of 24 perforating veins in 16 limbs of 13 patients were treated between July 2010 and December 2011 in our clinic. Follow-up duplex scans were performed at 1 week and 1, 3, 6, and 12 months after the procedure, to determine the treatment outcome. Results: Of the 23 treated IPVs, 20 (86.9%) were occluded on the duplex examination at 12 months. The average energy administrated per perforating vein treated was 174 J (range 105-236 J). Four of five ulcers had healed after 8 weeks in clinical-etiology-anatomy-pathophysiology (CEAP) C6 group. Two patients reported localized paresthesia, which subsided spontaneously, but no deep venous thrombosis or skin burn was observed. All components of the Venous Clinical Severity Score (VCSS) demonstrated significant improvements at each postprocedural visit (p<0.001 for all), except for pigmentation and compression, which exhibited variation throughout the follow-up period. Conclusions: Especially in the case of liposclerotic or ulcerated skin in the affected region, EVLA of IPVs with 1470 nm diode laser is highly effective and safe, and appears to be feasible. Additionally, repeat treatment can easily be performed should recurrence of IPVs arise.