link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Una guarigione rapida delle ferite croniche associate a cicatrici, dopo il resurfacing frazionale ablativo

chronic-woundsLa pelle compromessa dalle cicatrici traumatiche e dalle contratture può manifestare una diminuita resistenza alle forze di taglio e di altro tipo, mentre le crescenti tensioni e la fragilità della pelle contribuiscono alle erosioni e alle ulcerazioni croniche. Le ferite croniche possiedono degli specifici profili di mediatori infiammatori e altre caratteristiche, quali la presenza di un biofilm che può inibire la guarigione.

OSSERVAZIONI: Tre pazienti con cicatrici traumatiche multiple, correlate con lesioni da scoppio, hanno iniziato un ciclo di terapia con laser frazionato ablativo per avere la possibilità di mitigazione le contratture, aumentare la flessibilità, e diminuire le irregolarità strutturali. I pazienti presentavano anche croniche erosioni focali o ulcerazioni, nonostante l'accurata cura delle ferite. Tutti i pazienti hanno sperimentato un rapida guarigione delle loro ferite croniche entro 2 settimane dall'inizio del trattamento con laser frazionato ablativo. La guarigione è stata sostenuta per tutto il ciclo di trattamento e anche oltre, ed è stata associata con miglioramenti graduali nella flessibilità, nella struttura, nella durata, e nella gamma di movimento della cicatrice.

CONCLUSIONI: L'unico modello di lesione associato al trattamento laser frazionato ablativo potrebbe avere diversi vantaggi nella guarigione delle ferite. Questi vantaggi comprendono il nuovo concetto di foto-microrimozione, compresa l'interruzione del biofilm e la stimolazione della secrezione de novo dei fattori di crescita e del rimodellamento del collagene. Se confermato, il resurfacing frazionato ablativo potrebbe rappresentare uno strumento nuovo e potente in aggiunta ai tradizionali paradigmi di trattamento delle ferite e delle cicatrici.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Rapid healing of scar-associated chronic wounds after ablative fractional resurfacing.

Rivista: Arch Dermatol. 2012 Nov 1;148(11):1289-93. doi: 10.1001/2013

Autori: Shumaker PR, Kwan JM, Badiavas EV, Waibel J, Davis S, Uebelhoer NS.

Affiliazioni: 

Abstract: 

BACKGROUND Skin compromised by traumatic scars and contractures can manifest decreased resistance to shearing and other forces, while increased tension and skin fragility contribute to chronic erosions and ulcerations. Chronic wounds possess inflammatory mediator profiles and other characteristics, such as the presence of biofilms, that can inhibit healing. OBSERVATIONS Three patients with multiple traumatic scars related to blast injuries initiated a course of ablative fractional laser therapy for potential mitigation of contractures, poor pliability, and textural irregularity. Patients also had chronic focal erosions or ulcerations despite professional wound care. All patients experienced incidental rapid healing of their chronic wounds within 2 weeks of their initial ablative fractional laser treatment. Healing was sustained throughout the treatment course and beyond and was associated with gradual enhancements in scar pliability, texture, durability, and range of motion. CONCLUSIONS The unique pattern of injury associated with ablative fractional laser treatment may have various potential wound-healing advantages. These advantages include the novel concept of photomicrodebridement, including biofilm disruption and the stimulation of de novo growth factor secretion and collagen remodeling. If confirmed, ablative fractional resurfacing could be a potent new addition to traditional wound and scar treatment paradigms. 

BP-PB