link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Caratteristiche cliniche dell'osmidrosi ascellare: una revisione retrospettiva di 723 pazienti Giapponesi

axillary-osmidrosisL'osmidrosi ascellare incide significativamente sulla vita sociale di una persona, in particolare nei paesi Asiatici.

Tuttavia, gli aspetti clinici di questa condizione non sono stati ancora ben documentati nei lavori pubblicati in lingua inglese. Questo studio ha lo scopo di fornire le informazioni sulle caratteristiche dell'osmidrosi ascellare, con un'attenzione particolare alle differenze tra i sessi. È stata eseguita una revisione retrospettiva sulla base dei dati di 723 pazienti Giapponesi (492 femmine, 231 maschi). L'età media al momento della presentazione iniziale (29.1 anni) è stata quasi la stessa per i maschi e per le femmine. Quasi tutti i pazienti (96.1%) presentavano cerume umido nelle orecchie, in un livello estremamente più elevato rispetto alla frequenza nella popolazione Giapponese generale.

È stata osservata un'associazione con l'iperidrosi nel 61.8% di questi pazienti. I livelli di odore soggettivi nei pazienti di sesso femminile sono stati significativamente più bassi rispetto a quelli dei maschi (P < 0.001). La storia familiare positiva è stata riscontrata più frequentemente nelle donne che negli uomini (P < 0.001), e la storia di un precedente trattamento è stata anche in questo caso più frequente per le donne che per gli uomini (P < 0.015). La maggior parte dei pazienti (86.6%) aveva già ricevuto alcuni trattamenti nella nostra clinica. Il numero di donne che si sono sottoposte a trattamenti chirurgici è stato significativamente inferiore rispetto al numero dei maschi (P = 0.026), anche perché le donne preferiscono tecniche meno invasive (P < 0.001).

Diverse caratteristiche, tra cui il rapporto maschio/femmina, e le associazioni tra cerume umido e iperidrosi, corrispondono ai dati precedentemente riportati sull'osmidrosi ascellare. I pazienti di sesso femminile sono stati più preoccupati per l'odore ascellare rispetto ai maschi, e le femmine hanno avuto una maggiore tendenza alla polichirurgia.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Clinical features of axillary osmidrosis: A retrospective chart review of 723 Japanese patients

Rivista: The Journal of Dermatology. doi: 10.1111/1346-8138.12115

Autori: Daichi Morioka, Fumio Ohkubo, Yoshiyasu Amikura

Affiliazioni:Department of Plastic and Reconstructive Surgery, Showa University, Tokyo, Japan Nihonbashi Plastic Surgery and Skin Care Clinic, Tokyo, Japan

Abstract:
Axillary osmidrosis often disturbs a person's social life, particularly in Asian countries. However, the clinical aspects of this condition have not been well documented in the English-language published work. This study aimed to provide information on the features of axillary osmidrosis, with a particular focus on sex differences. A retrospective review was made of the charts for 723 Japanese patients (492 female, 231 male). The mean age at initial presentation (29.1 years) was nearly the same for males and females. Almost all patients (96.1%) had wet earwax, which was extremely high compared to its frequency in the general Japanese population. An association with hyperhidrosis was seen in 61.8% of these patients. Subjective odor levels in female patients were significantly lower than those in males (P < 0.001). A positive family history was more frequent for females than for males (P < 0.001), and prior treatment history was also more frequent for females than for males (P < 0.015). Most patients (86.6%) had received some treatments in our clinic. There were significantly fewer females who underwent surgical treatments compared to males (P = 0.026), as females preferred less invasive techniques (P < 0.001). Several features, including male/female ratios, and associations of wet earwax and hyperhidrosis, corresponded to previously reported data on axillary osmidrosis. Female patients were more concerned with axillary odor than males, and females had a tendency for polysurgery.

BP-PB