link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il trasferimento adottivo di cellule T da coltura, nei pazienti con melanoma metastatico

metastatic-melanomaÈ stato dimostrato come le cellule T siano in grado di rigettare il tumore di un paziente. Tuttavia, le deboli reazioni ai vaccini attuali e la tossicità della somministrazione esogena di citochine limitano l'intensità della risposta delle cellule T, che può invece essere attivamente generata in vivo.

Il trasferimento adottivo di cellule T aumenta la risposta immunitaria intrinsecamente debole al cancro, attivando ed espandendo le cellule T reattive al tumore in vitro e manipolando l'ambiente dell'ospite al momento del trasferimento. Si possono spesso trovare delle cellule T reattive al tumore nelle lesioni metastatiche di pazienti affetti da melanoma, ed espanderle in vitro per una successiva somministrazione. Quando ha successo, questa immunoterapia adottiva cellulare porta a risultati curativi sostenibili. Successivamente, l'applicabilità del trasferimento adottivo di cellule T è stata notevolmente ampliata con lo sviluppo di metodi di manipolazione genetica su repertori aperti di cellule T umane al fine di conferire una maggiore reattività al tumore.

Questo riorientamento della specificità delle cellule T può essere ottenuto introducendo una varietà di recettori che legano gli antigeni tumore-associati e che quindi danno il via al normale meccanismo di attivazione delle cellule T. La futura ingegneria delle cellule T aggiungerà una nuova dimensione riprogrammando le funzioni delle cellule T per ottenere un rigetto ottimale del tumore. Vengono qui presi in considerazione gli antigeni riconosciuti dalle cellule T, le tecniche per procurare e far crescere le cellule T reattive al tumore, il condizionamento del destinatario per ottimizzare l'efficacia, ed i risultati dei protocolli clinici.

Storia della pubblicazione:

Titolo: The adoptive transfer of cultured T cells for patients with metastatic melanoma

Rivista: Clinics in Dermatology. Volume 31, Issue 2 , Pages 209-219, March 2013

Autori: James C. Yang

Affiliazioni:

Abstract:
T cells have been shown to be capable of rejecting a patient's tumor. Weak responses to current vaccines and the toxicity of exogenously administered cytokines limit the intensity of the T-cell response that can be actively generated in vivo. Adoptive T-cell transfer enhances an intrinsically weak immune response to cancer by activating and expanding tumor reactive T cells in vitro and manipulating the environment of the host at the time of transfer. One can frequently find tumor-reactive T cells in metastatic lesions in patients with melanoma, and expand them in vitro for readministration. When successful, this adoptive cellular immunotherapy has resulted in sustainable curative outcomes. Subsequently, the applicability of adoptive T-cell transfer has been greatly expanded by the development of methods to genetically engineer open-repertoire human T-cells to confer tumor reactivity. This re-direction of T-cell specificity can be achieved by introducing a variety of receptors that ligate tumor-associated antigens and then trigger the normal activation mechanism of T cells. Future T-cell engineering will add a new dimension by reprogramming T-cell functions for optimal tumor rejection. The antigens recognized by T cells, the techniques to procure and grow tumor reactive T cells, the conditioning of the recipient to optimize efficacy, and the results of clinical protocols are reviewed herein.