link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Ingenolo mebutato topico: l’ultima frontiera nella terapia delle cheratosi attiniche

Euphorbia peplus 2Il 23 gennaio 2012 la FDA ha approvato, per il trattamento topico delle cheratosi attiniche, un prodotto gel a base di Ingenolo mebutato (in America si chiamerà PICATO) che ha un derivato naturale dell’ euphorbia peplus, conosciuta anche con il nome di euforbia minore.

 

L’ Ingenolo mebutato è in grado di indurre la morte cellulare nelle cheratosi attiniche anche se il meccanismo di azione non è del tutto conosciuto.

Sembrerebbe che questa molecola, e alcuni suoi derivati, esplichino questa azione attraverso la proteina chinasi C.

Il composto provoca la rapida necrosi della lesione anche attraverso meccanismi mediati dai neutrofili e grazie all'immunità anticorpo dipendente.

In letteratura internazionale vi è stata, negli ultimi mesi, una fioritura di articoli scientifici riguardanti l’ingenolo mebutato in gel. L'efficacia di questa molecola nel trattamento della cheratosi attinica è dimostrata in uno studio pubblicato recentemente dal New England Journal of Medicine. L'articolo descrive i risultati di uno studio multicentrico randomizzato in doppio cieco controllato contro placebo.

Nei materiali e metodi si descrive il trattamento di cheratosi attiniche sia del volto e del resto della superficie corporea, il gel veniva da applicato per soli due giorni consecutivi, ad eccezione del cuoio capelluto dove veniva applicato per tre giorni.

Il risultato ricercato era la completa guarigione clinica a 57 giorni dall'applicazione del gel.

Globalmente lo studio comprendeva 1005 pazienti, divisi in due gruppi a seconda se le lesioni erano presenti sul volto cuoio capelluto oppure sul resto della superficie corporea. Dei 547 pazienti con lesioni del volto al cuoio capelluto 277 sono stati trattati con il gel di Ingenolo mebutato mentre resto con placebo. A distanza di 57 giorni si è assistito alla risoluzione clinica del 42,2% delle lesioni trattate con Ingenolo mebutato , mentre nelle lesioni trattate con placebo solo nel 3,7% dei casi.

Meno favorevole, ma sempre ragguardevole, il risultato ottenuto sulle cheratosi attiniche del resto del corpo, in questi pazienti infatti, la risoluzione completa si è avuta nel 34,1% dei casi contro il 4,7% dei pazienti trattati con placebo.Ingenol mebutate

Davvero importante anche risultato a 12 mesi di distanza, che riporta una mancanza di lesioni nell'87,2% e nell'85,1 dei casi rispettivamente di lesioni del volto cuoio capelluto e del resto del corpo.

Anche sotto il profilo degli effetti avversi, questo nuovo prodotto, sembra avere un ottimo risultato, infatti durante lo studio non sono stati riportati effetti avversi gravi, mentre il più comuni sono state le reazioni cutanee locali nella sede di applicazione tra le quali prurito e irritazione (rispettivamente 8% circa il 3%), e dolore e si presentava nel 13,9% dei pazienti trattati a volto cuoio capelluto mentre solo nel 2,2% dei casi per quelli trattati nel resto della superficie corporea.

Inutile dire che la conferma di questi dati porta una rivoluzione nel trattamento topico delle cheratosi attiniche, i vantaggi infatti offerti da questa terapia rispetto a quelle odierne a base di diclofenac e imiquimod sembrano davvero notevoli, sia sotto il profilo della brevità del trattamento degli effetti collaterali e della compliance del paziente sembra davvero notevoli.

 

maccanismo azioneBibliografia

  1. 1.Lebwohl M, Swanson N, Anderson LL, Melgaard A, Xu Z, Berman B. Ingenol mebutate gel for actinic keratosis.N Engl J Med. 2012 Mar 15;366(11):1010-9.
  2. 2.Fallen R, Gooderham M.Ingenol mebutate: an introduction.Skin Therapy Lett. 2012 Feb;17(2):1-3.
  3. 3.Cozzi SJ, Ogbourne SM, James C, Rebel HG, de Gruijl FR, Ferguson B, Gardner J,Lee TT, Larcher T, Suhrbier A. Ingenol Mebutate Field-Directed Treatment of UVB-Damaged Skin Reduces Lesion Formation and Removes Mutant p53 Patches. Ann Dermatol Venereol. 2011 Dec;138 Suppl 4:S253-62.
  4. 4.Rosen RH, Gupta AK, Tyring SK.Dual mechanism of action of ingenol mebutate gel for topical treatment of actinic keratoses: Rapid lesion necrosis followed by lesion-specific immune response. J Am Acad Dermatol. 2012 Mar;66(3):486-93.