link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Gestione dei cheloidi e delle cicatrici ipertrofiche: opzioni di trattamento attuali ed emergenti

Hypertrophic-Scar2Nel contesto di una crescente consapevolezza estetica, un numero sempre maggiore di pazienti si sente deluso per le proprie cicatrici ed è spesso alla ricerca di un miglioramento funzionale ed estetico.


Tuttavia, rimane ancora difficile migliorare l'eccessiva cicatrizzazione che segue a un intervento chirurgico o a un trauma, nonostante nella routine clinica si osservi una pletora di strategie di trattamento. Quindi, per quanto possibile, è ancora preferibile evitare le cicatrici minimizzandone i fattori di rischio. Inoltre, è importante che il medico abbia delle conoscenze di base sui meccanismi di guarigione e di anatomia della pelle, e che sappia scegliere il materiale di sutura e le tecniche di chiusura della ferita più idonee per minimizzare il rischio di cicatrizzazione postoperatoria.
Accanto alle ben note strategie esistenti, profilattiche e terapeutiche, in questo articolo si illustrano le tecniche emergenti come la crioterapia intralesionale, il 5-fluorouracile intralesionale, l'interferone e la bleomicina per il miglioramento della cicatrizzazione eccessiva. Alcune di queste opzioni sono state testate con successo in studi ben progettati e quindi hanno già esteso, o lo faranno nel breve periodo, l'attuale gamma di trattamento per le cicatrici ipertrofiche.
Anche le opzioni innovative come l'imiquimod 5% in crema, la terapia fotodinamica, o la tossina botulinica A possono avere una certa importanza; tuttavia, i dati attualmente disponibili sono troppo contraddittori per fornire delle raccomandazioni definitive.

 

Storia della pubblicazione:

Titolo: Management of keloids and hypertrophic scars: current and emerging options

Rivista: doi: http://dx.doi.org/10.2147/CCID.S35252

Autori: Gerd G Gauglitz

Affiliazioni:Department of Dermatology and Allergy, Ludwig-Maximilian University, Munich, Germany

Abstract:
Abstract: In the context of growing aesthetic awareness, a rising number of patients feel disappointed with their scars and are frequently seeking help for functional and aesthetic improvement. However, excessive scarring following surgery or trauma remains difficult to improve despite a plethora of advocated treatment strategies as frequently observed in daily clinical routine. It is thus still preferable to prevent scarring by minimizing risk factors as much as possible. Hence, it remains crucial for the physician to be aware of basic knowledge of healing mechanisms and skin anatomy, as well as an appreciation of suture material and wound closure techniques to minimize the risk of postoperative scarring. Next to existing, well known prophylactic and therapeutic strategies for the improvement of excessive scarring, this article discusses emerging techniques such as intralesional cryotherapy, intralesional 5-fluorouracil, interferon, and bleomycin. Some of them have been successfully tested in well-designed trials and already have extended or may extend the current spectrum of excessive scar treatment in the near future. Innovative options such as imiquimod 5% cream, photodynamic therapy, or botulinum toxin A may also be of certain importance; however, the data currently available is too contradictory for definite recommendations.

BP-PB