link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La birra e i suoi composti: effetti fisiologici sulla salute della pelle

beerglassesLa birra è una delle prime invenzioni umane e, a livello mondiale, è la bevanda alcolica più consumata in termini di volume. La 'Legge Tedesca sulla Purezza della Birra', che si basa sulla Legge Bavarese della Purezza della Birra (risalente al 1516), prevede che il processo di birrificazione si faccia solo con l'orzo, il luppolo, il lievito e l'acqua. Gli estratti di questi ingredienti, in particolare del luppolo, contengono una grande varietà di polifenoli come: kaempferolo, quercetina, tirosolo, acido ferulico, xantumolo/isoxantumolo/8-prenilnaringenina, α-acidi amari (come l'umulone) e β-acidi amari (come il lupulone); inoltre, l' 8-prenilnaringenina è il più potente fitoestrogeno conosciuto.
Questi composti hanno dimostrato di possedere vari effetti antibatterici, anti-infiammatori, anti-ossidanti, anti-angiogenici, anti-melanogenici, anti-osteoporotici e anti-cancerogeni. Comunque, mentre sono limitati gli studi epidemiologici che prendono in considerazione l'associazione tra l'uso della birra e le malattie della pelle, quelli che forniscono una prova diretta dell'applicazione clinica dei composti della birra sono addirittura inesistenti.
In dermatologia, queste sostanze potrebbero tornare utili per il trattamento dell'eczema atopico, della dermatite da contatto, dei disturbi della pigmentazione, delle infezioni, dell'invecchiamento nonché dei tumori della pelle, che richiedono un'ottimizzazione della biostabilità e la somministrazione topica di questi composti. Ad ogni modo, sono necessari ulteriori studi per determinare la loro biodisponibilità e i loro possibili effetti benefici sulla salute quando assunti in associazione a dosi moderate di birra.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Beer and beer compounds: physiological effects on skin health

Rivista: Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology. doi: 10.1111/jdv.12204

Autori: W. Chen, T. Becker, F. Qian, J. Ring

Affiliazioni:Department of Dermatology and Allergy Biederstein, Technische Universität München, Christine Kühne Center for Allergy Research and Education (CK CARE), Munich, Germany Brewing and Beverage Technology, Department of Life Science Engineering, Center of Life and Food Sciences Weihenstephan, Technische Universitaet Muenchen, Freising, Germany

Abstract:
Beer is one of the earliest human inventions and globally the most consumed alcoholic beverage in terms of volume. In addition to water, the ‘German Beer Purity Law’, based on the Bavarian Beer Purity Law from 1516, allows only barley, hops, yeasts and water for beer brewing. The extracts of these ingredients, especially the hops, contain an abundance of polyphenols such as kaempferol, quercetin, tyrosol, ferulic acid, xanthohumol/isoxanthohumol/8-prenylnaringenin, α-bitter acids like humulone and β-bitter acids like lupulone. 8-prenylnaringenin is the most potent phytoestrogen known to date. These compounds have been shown to possess various anti-bacterial, anti-inflammatory, anti-oxidative, anti-angiogenic, anti-melanogenic, anti-osteoporotic and anti-carcinogenic effects. Epidemiological studies on the association between beer drinking and skin disease are limited while direct evidence of beer compounds in clinical application is lacking. Potential uses of these substances in dermatology may include treatment of atopic eczema, contact dermatitis, pigmentary disorders, skin infections, skin ageing, skin cancers and photoprotections, which require an optimization of the biostability and topical delivery of these compounds. Further studies are needed to determine the bioavailability of these compounds and their possible beneficial health effects when taken by moderate beer consumption.