link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Ixekizumab si mostra promettente nel trattamento della psoriasi

psoriasi 32

In un trial di fase III, l'ixekizumab ha superato sia il placebo che i farmaci standard per il trattamento della psoriasi.

L'ixekizumab, un anticorpo monoclonale umanizzato contro la citochina proinfiammatoria interleuchina 17A, potrebbe rappresenare una nuova ed efficace opzione per i pazienti con psoriasi da moderata a grave, in base a due studi clinici di fase III riportati nella versione online di The Lancet il 10 giugno 2015.

I due studi (UNCOVER-2 e UNCOVER-3) hanno coinvolto pazienti con casi di psoriasi da moderata a grave (1.224 pazienti coinvolti in UNCOVER-2 e 1.346 pazienti in UNCOVER-3). I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il placebo somministrato per via sottocutanea, oppure etanercept (50 mg due volte a settimana) o a ricevere una iniezione di 80 mg ixekizumab ogni due settimane, oppure ogni quattro settimane dopo una dose iniziale di 160 mg.

Dopo 12 settimane di trattamento, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti che hanno assunto ixekizumab hanno mostrato risultati migliori rispetto a quelli trattati con etanercept o con placebo. In uno studio combinato, gli eventi avversi gravi sono stati riportati nell'1,9% dei pazienti trattati con ixekizumab ogni due settimane, 1,9% per cento dei pazienti trattati con ixekizumab ogni quattro settimane, 1,9% per cento dei pazienti trattati con placebo, e 1,9% per cento dei pazienti trattati con etanercept; non sono stati osservati decessi.

"Entrambi i regimi di dosaggio di ixekizumab hanno mostrato una maggiore efficacia rispetto al placebo e a etanercept nel corso di 12 settimane, in due studi indipendenti", hanno comentato gli autori. "Questi studi dimostrano che la neutralizzazione selettiva dell'interleuchina 17A, tramite un anticorpo dall'elevata affinità, offre ai pazienti affetti da psoriasi una nuova ed efficace opzione terapeutica."

Lo studio è stato finanziato dalla Eli Lilly, produttore dell'ixekizumab.

 

Riferimenti:

Griffiths, Christopher E M et al. Comparison of ixekizumab with etanercept or placebo in moderate-to-severe psoriasis (UNCOVER-2 and UNCOVER-3): results from two phase 3 randomised trials, The Lancet, 10 June 2015