link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Psoriasi: capacità di efflusso del colesterolo e rischio cardiovascolare

0808 cholesterol in artery

Secondo un recente studio, una scarsa capacità di efflusso del colesterolo HDL (CEC) nei pazienti affetti da psoriasi è sintomatica di alti livelli di placca coronarica non calcifica e può essere collegata ad un aumento del rischio di infarto.

"C'è una forte plausibilità biologica a supporto della correlazione fra CEC e placca non calcifica e sappiamo che la psoriasi è associata sia con un aumento nel rischio di eventi cardiovascolari che con una compromessa funzionalità HDL. I risultati da noi ottenuti suggeriscono che questo possa essere dovuto ad una predisposizione alla formazione di placca non calcifica", scrivono il Dr. Taufiq Salahuddin, del Dipartimento Malattie Polmonari e Cardiovascolari del National Institute of Health di Bethesda, e colleghi in un articolo pubblicato il 18 luglio nell'edizione online dello European Heart Journal.

La capacità di efflusso del colesterolo (CEC) misura la capacità delle HDL di rimuovere il colesterolo dalle pareti arteriose ed è noto che bassi valori di CEC sono associati con una maggiore presenza di placca coronarica.

Nel studio, il Dr. Mehta e colleghi hanno valutato l'efficacia dell'uso dei valori CEC come criterio di valutazione del rischio cardiovascolare in 101 pazienti affetti da psoriasi. È stato valutato lo stato delle arterie di tutti i pazienti, per mezzo di una tomografia angiografica computerizzata, e i risultati della valutazione sono stati catalogati e classificati. La capacità CEC è stata quantificata utilizzando un test che misura la capacità del plasma di mobilitare il colesterolo dai macrofagi.

L'analisi dei campioni ematici ha mostrato come i pazienti con scarsa funzionalità HDL, evidenziata da bassi valori CEC, avessero più alti livelli di placca coronarica e questa situazione fosse associata alla presenza di placca coronarica non calcifica. I pazienti con più alti valori CEC, e di conseguenza una migliore funzionalità HDL, mostravano invece più bassi valori di placca coronarica.

"I nostri risultati mostrano che il carico di placca coronarica è inversamente associato ai valori CEC, indipendentemente dalla concentrazione di HDL [P< .001], il che supporta la tesi che la CEC sia un importante criterio per la comprensione della relazione fra HDL e aterosclerosi coronarica", scrivono gli autori.

Lo studio ha anche evidenziato differenze significative rispetto al sesso, è stato infatti notato che le donne affette da psoriasi che hanno minore CEC presentavano maggiore placca non calcifica rispetto agli uomini. Gli autori aggiungono: "Questi risultati suggeriscono che valori più alti di CEC abbiano un maggior effetto protettivo in termini di placca non calcifica nelle donne rispetto agli uomini".

Gli autori sottolineano che i risultati dello studio suggeriscono che la funzionalità HDL giochi un ruolo importante nell'aterosclerosi precoce e potrebbe fornire informazioni importanti circa il futuro rischio di infarto. "La tecnica basata sulla misurazione dei valori CEC è ancora limitata all'ambito sperimentale ma potrebbe rivelarsi un importante strumento diagnostico in futuro, non soltanto per i pazienti affetti da psoriasi", rimarcano gli autori dello studio.

 

Riferimenti:

European Heart Journal, 18 luglio 2015; doi:http://dx.doi.org/10.1093/eurheartj/ehv339