link876 link877 link878 link879 link880 link881 link882 link883 link884 link885 link886 link887 link888 link889 link890 link891 link892 link893 link894 link895 link896 link897 link898 link899 link900 link901 link902 link903 link904 link905 link906 link907 link908 link909 link910 link911 link912 link913 link914 link915 link916 link917 link918 link919 link920 link921 link922 link923 link924 link925 link926 link927 link928 link929 link930 link931 link932 link933 link934 link935 link936 link937 link938 link939 link940 link941 link942 link943 link944 link945 link946 link947 link948 link949 link950 link951 link952 link953 link954 link955 link956 link957 link958 link959 link960 link961 link962 link963 link964 link965 link966 link967 link968 link969 link970 link971 link972 link973 link974 link975 link976 link977 link978 link979 link980 link981 link982 link983 link984 link985 link986 link987 link988 link989 link990 link991 link992 link993 link994 link995 link996 link997 link998 link999 link1000 link1001 link1002 link1003 link1004 link1005 link1006 link1007 link1008 link1009 link1010 link1011 link1012 link1013 link1014 link1015 link1016 link1017 link1018 link1019 link1020 link1021
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il collegamento fra psoriasi e infiammazione vascolare

psoriasi 5

La gravità della psoriasi è associata al grado di infiammazione vascolare, al di là delle tradizionali considerazioni sui fattori di rischio cardiovascolare, questo quanto emerge da un piccolo studio caso-controllo pubblicato a metà ottobre nell'edizione online di Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology.

"I dati suggeriscono che le placche psoriasiche giocano un ruolo biologicamente attivo nel nel promuovere l'infiammazione nei siti remoti", scrivono il Dr. Haley B. Naik, del National Heart, Lung, and Blood Institute e del National Cancer Institute di Bethesda, e colleghi.

I ricercatori hanno scoperto che la psoriasi influenza l'attivazione dei granulociti neutrofili, le prime cellule presenti nelle placche psoriasiche, e dei loro marker. Inoltre, livelli più alti di S100A8/A9, una proteina dall'effetto infiammatorio che contribuisce ad aumentare il numero di granulociti neutrofili in circolo, sono correlati sia al livello di severità della malattia che al livello di infiammazione vascolare, misurato tramite tomografia computerizzata ad emissione di positroni con 18F-FDG. 

Secondo il parere degli autori, i risultati dello studio indicano che i granulociti neutrofili, fonti cellulari primarie della citochina proinfiammatoria interleuchina 17 nella malattia psoriasica, giocano un ruolo potenzialmente importante nelle malattie cardiovascolari correlate.

 

Dettagli dello studio

Lo studio ha analizzato 60 pazienti affetti da psoriasi (età media 47,5 anni; 28 uomini) e 20 soggetti controllo sani e corrispondenti per sesso ed età (età media 41,0 anni; 13 uomini) durante il periodo 2013-2015. Entrambi i gruppi erano composti da soggetti sovrappeso ma con basso rischio cardiovascolare, secondo il punteggio Framingham; circa la metà dei partecipanti in entrambi i gruppi presentava una storia clinica di dislipidemia. Nei pazienti affetti da psoriasi, i punteggi relativi allo Psoriasis Area and Severity Index scores (punteggio medio 5.4) erano coerenti con una severità della malattia da lieve a moderata e circa la metà dei pazienti erano in cura con farmaci biologici sistemici o altre terapie.

Il valore medio del rapporto neutrofili-linfociti era elevato nel gruppo psoriasi rispetto al controllo (2,1 contro 1,4; P < .001) ed è stato rilevato un trend non significativo di aumento dei valori medi di PCR ad alta sensibilità (2,0 contro 1,4 mg/L; P = .18), elementi che suggeriscono uno stato di infiammazione sistemica sub-clinica nei pazienti affetti da psoriasi, rispetto ai pazienti del gruppo di controllo. Nel gruppo psoriasi, inoltre, sono stati rilevati altri indicatori di una maggiore attivazione del sistema immunitario, tra cui l'interleuchina 6 e il fattore di necrosi tumorale alfa.

I ricercatori hanno anche scoperto che i livelli di proteina S100A8/A9 erano collegati sia alla gravità della psoriasi (p = 02) che al livello di infiammazione vascolare (P = .02). Secondo gli autori: "È possibile che la proteina S100A8/A9 serva da mediatore o sia il sottoprodotto di uno dei possibili pathway che collegano la gravità della psoriasi al grado di infiammazione delle arterie". Per quanto riguarda l'infiammazione vascolare, non sono emerse differenze significative relative al sesso o all'etnia, tanto nel gruppo psoriasi che nel controllo.

Punteggi più alti rispetto allo Psoriasis Area and Severity Index, nei pazienti affetti da psoriasi, erano associati a un incremento del TBR aortico ( β= 0.41; P = .001), un'associazione che è rimasta significativa anche dopo le correzioni per età, sesso e punteggio Framingham.I ricercatori hanno anche segnalato un aumento della frequenza dei neutrofili (media 3,7 nel gruppo psoriasi contro 2,9 nei controlli; p = 0,02) e attivazione da parte dei neutrofili di di CD16 e CD62L nel sangue.

"L'associazione tra la severità della psoriasi e gli esiti della malattia vascolare aterosclerotica è ormai consolidata, da studi di coorte e da diversi studi clinici", ha detto il Dr. Vinod Chandran, professore di reumatologia presso la University of Toronto in Canada. "Il lavoro di ricerca traslazionale in questo studio fornisce prove solide, basate sull'imaging dell'infiammazione vascolare e sulla valutazione clinica della gravità della psoriasi, sui fattori di rischio tradizionali e su precisi biomarker, a sostegno dell'ipotesi secondo la quale la gravità della psoriasi è associata ad un aumento dell'infiammazione vascolare che va oltre i fattori di rischio per le malattie vascolare associati alla psoriasi", ha proseguito.

Sebbene i meccanismi sottesi a questo collegamento siano ancora sconosciuti, i dati sembrano dimostrare che meccanismi simili sono all'opera nei siti di infiammazione vascolari e in quelli colpiti da placche psoriasiche, il Dr. Chandran ha commentato: "Gli studi precedenti hanno dimostrato un potenziale collegamento fra trascrizione genetica alterata nella pelle e cambiamenti nei marker relative alle comorbidità comunemente osservate nei pazienti affetti da psoriasi da moderata a severa".

Pur definendo il loro studio come il primo tentativo di delineare una caratterizzazione sistematica del legame fra gravità della psoriasi e livello di infiammazione vascolare, gli autori ammettono che la struttura dello studio impedisce di stabilire rapporti di causalità e sottolineano la necessità di ulteriori ricerche per comprendere a fondo il rapporto fra psoriasi e infiammazione vascolare, nonché il mutare di questo rapporto a seguito della terapia con farmaci biologici.

Riferimenti:

Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology, 115.306460, ottobre 2015; doi: 10.1161/ATVBAHA.115.306460