link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Psoriasi ed emicrania: qual è il collegamento?

emicrania 23

Uno studio danese di recente pubblicazione indaga il maggior rischio di emicrania al quale sono soggetti i pazienti affetti da psoriasi.

Tanto la psoriasi volgare (PV) che l'artrite psoriasica (PsA) sono disordini autoimmuni mediati da linfociti T, caratterizzati da un'infiammazione cronica, tanto organo-specifica (pelle, articolazioni) quanto sistemica. Questa ultima caratteristica della psoriasi, ossia il suo associarsi a molteplici comorbidità, è stata confermata da numerosi studi condotti in tempi recenti per indagare il collegamento fra psoriasi e malattie cardiovascolari (ictus, cardiopatia ischemica, insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione) nonché fra psoriasi e disordini di tipo metabolico (dislipidemia, obesità, sindrome metabolica da insulino-resistenza e diabete melito).

L'emicrania è una condizione neurovascolare caratterizzata da mal di testa intermittenti, con o senza aura. Alcune delle stesse citochine, ad azione infiammatoria, legate alla psoriasi (ad esempio, il fattore di necrosi tumorale alfa) potrebbero anche contribuire al vasospasmo, all'infiammazione meningea e all'ipersensibilità dei pathway della risposta dolorosa che sono stati identificati in coloro che soffrono di emicrania. Inoltre, tanto gli individui che sono soggetti ad emicrania quanto quelli affetti da psoriasi sono esposti ad un maggior rischio di patologie cardiovascolari, come l'ictus. Il quesito che si sono posti i ricercatori danesi è se l'emicrania sia più diffusa nei soggetti con psoriasi, rispetto alla popolazione priva di disordini infiammatori a carico delle articolazioni e della pelle.

Per cercare una risposta a questa interessante domanda, il Dr. Egeberg e colleghi hanno usato il Registro Nazionale dei Pazienti danese ed hanno raccolto dati riguardanti la popolazione danese adulta (di età superiore ai 18 anni) nell'arco di 14 anni (n = 5.379.859). La vasta quantità di dati a disposizione comprendeva 53.006 casi di psoriasi volgare di lieve entità, 6.831 casi di psoriasi volgare grave e 6.243 casi di artrite psoriasica. Una comparazione fra l'incidenza di emicrania in questi tre gruppi e l'incidenza nella popolazione generale ha permesso di formulare le seguenti osservazioni:

  • i tassi di incidenza per l'emicrania, corretti integralmente, nei pazienti con PV lieve, PV grave e PsA risultano pari a 1,37 — 1,55 e 1,92 rispettivamente;
  • l'aumento del rischio di emicrania osservato nei pazienti con psoriasi è proporzionale alla severità della malattia psoriasica (cioè, il rischio è maggiore nei casi gravi rispetto a quelli lievi);
  • l'aumento del rischio di emicrania è uguale per uomini e donne (cioè, l'aumento del rischio non è sesso-specifico)

Le osservazioni derivanti dallo studio condotto dai ricercatori danesi sono estremamente interessanti. Gli individui affetti da psoriasi nella popolazione, a maggioranza bianca, erano esposti ad un più alto rischio di sviluppare emicrania e l'aumento del rischio era proporzionale alla gravità della malattia. Inoltre, i pazienti con artrite psoriasica hanno mostrato di essere esposti ad un ancor più elevato rischio di emicrania, il che suggerisce che il livello di infiammazione sistemica giochi un ruolo fondamentale.

Quali considerazioni possono essere tratte da questa analisi statistica? Come si affrettano a far notare il Dr. Egeberg e colleghi, l'associazione fra due fenomeni non dimostra l'esistenza di un rapporto di causalità. Sebbene i ricercatori abbiano controllato per comorbidità, status socio-economico, numero di ricoveri e altre variabili che potessero falsare i dati, è tuttavia possibile che alcuni dei casi di emicrania riportati dai pazienti affetti da PV o PsA siano stati causati o aggravati da farmaci usati per trattare l'infiammazione cutanea o articolare (ad esempio, il metotrexato o la ciclosporina).

In ogni caso, poiché tanto l'emicrania quanto la psoriasi sono associati a malattie cardiovascolari e a citochine ad azione infiammatoria, è necessario studiare a fondo la possibile esistenza di un collegamento più profondo. Ad esempio, un miglioramento rispetto alla psoriasi riduce la gravità e la frequenza dei mal di testa collegati all'emicrania? Se così fosse, questa riduzione sarebbe visibile soltanto durante l'impiego di agenti bloccanti della citochina fattore di necrosi tumorale alfa o la fototerapia e gli agenti topici potrebbero essere altrettanto efficaci nel migliorare l'emicrania?

Rispondere a queste domande porterebbe ad una migliore e più estesa comprensione tanto della psoriasi quanto dell'emicrania e potrebbe portare allo sviluppo di terapie migliori per entrambe queste patologie, che oltre ad essere estremamente diffuse, sono anche potenzialmente invalidanti.

Riferimenti:

JAMA Dermatology, 2015;73:829-835