link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Psoriasi grave: aumento del rischio di sindrome da IgA

Ig A

Il rischio di nefropatia da immunoglobulina A (IgA), o malattia di Berger, è cinque volte più alto negli individui affetti da psoriasi grave e il rischio complessivo per le malattie glomerulari è due volte più alto in questi pazienti.

Questa scoperta è il risultato di un'analisi condotta a partire dai dati forniti dal Health Improvement Network del Regno Unito.

"Date queste associazioni, è consigliabile controllare i valori di laboratorio relativi a queste patologie, almeno nei pazienti con psoriasi da moderata a grave", ha spiegato la Dr.ssa Sungat Grewal, ricercatore presso la University of Pennsylvania Perelman School of Medicine di Philadelphia.

In uno studio precedente era già emerso un alto rischio di malattie renali croniche per i pazienti con psoriasi da moderata a grave. Ci sono anche stati studi su caso che hanno evidenziato collegamenti fra la psoriasi e la sindrome da immunoglobulina A, ma questa è la prima analisi su larga scala a individuare le specifiche patologie renali responsabili dell'aumento nel tasso di malattie renali croniche totali in questi pazienti.

La Dr.ssa Grewal ha presentato i risultati durante una sessione di discussione del 74° congresso annuale della American Academy of Dermatology.

 

La causa più comune di glomerulonefrite

La sindrome da IgA , che colpisce 1/100.000 persone ogni anno nei soli Stati Uniti, è la causa più comune di glomerulonefrite. DI solito si presenta come un'infezione acuta delle mucose che nel giro di qualche giorno si manifesta anche con tracce di sangue nelle urine. In una percentuale di pazienti compresa fra il 20% e il 40%, essa conduce agli stadi terminali della malattia renale.

Grewal e colleghi hanno esaminato dati provenienti dalle cartelle cliniche elettroniche presenti nel database e relative al ventennio 1994-2014. La coorte comprendeva oltre 11 milioni di individui ed è da considerarsi perciò rappresentativa di un ampio segmento della popolazione interessata.

Il team di ricercatori ha usato codici diagnostici per identificare i 193.013 individui con psoriasi moderata e i 12.806 pazienti con psoriasi grave. Ogni paziente è stato associato a un numero di controlli, appartenenti alla stessa clinica e non affetti da psoriasi, compreso fra 1 e cinque.

I pazienti con psoriasi erano più giovani, più obesi ed erano più spesso bevitori e fumatori rispetto ai 1.019.142 soggetti di controllo. Essi presentavano anche un numero più alto di comorbidità.

Il rischio di sindrome da immunoglobulina A era cinque volte più alto nei pazienti con psoriasi grave rispetto ai controlli (hazard ratio 4,75) nel modello corretto per età, sesso, BMI, stile di vita circa il fumo e l'assunzione di alcolici, status socio-economico, ipertensione, diabete, iperlipidemia, malattie cardiovascolari, artrite, infezioni virali, artrite psoriasica e uso di agenti antiinfiammatori non steroidei.

Inoltre, il rischio di malattia glomerulare era due volte più alto nei pazienti con psoriasi grave (hazard ration 2,05). Il rischio di sindrome da immunoglobulina A e malattia glomerulare non differivano significativamente nei pazienti con psoriasi moderata rispetto ai controlli.

È doveroso ricordare anche che il rischio associato alla sindrome da IgA nei pazienti con psoriasi grave è comunque molto basso: un caso su 8.888 pazienti ogni anno. Per fornire un termine di confronto, Grewal ha fatto notare come l'incidenza di parti trigemellari sia di 1 ogni 8.000 gravidanze.

Tuttavia, ha dichiarato: "Penso che la conoscenza delle possibili comorbidità sia molto importante per poter educare i pazienti e informarli dei segnali ai quali è necessario che prestino attenzione, nonché per un monitoraggio clinico efficace".

"Si tratta di una probabilità comunque molto bassa", ha commentato il Dr. Inder Dhillon, dermatologo presso il Kaiser Permanente Medical Group e professore presso la University of California di San Francisco. "Ma è tuttavia molto utile sapere che i pazienti sono più a rischio per la sindrome da IgA ed è importante che i medici lo tengano presente".

"Non sappiamo ancora perché ma sappiamo che esiste un'associazione", ha dichiarato Grewal. "L'associazione è dovuta all'aumento del rischio di sviluppare malattie renali specifiche o al fatto che una volta manifestatasi una malattia renale questi pazienti hanno un rischio più alto che la malattia diventi cronica?".

Alcune delle teorie presentate individuano la causa nell'iperattività del sistema immunitario, nella compromissione dell'integrità della mucosa che espone all'azione degli antigeni stimolanti l'immunoglobulina stessa e in una predisposizione genetica all'accumulo di immunoglobulina nei glomeruli.

Indipendentemente dalla causa, fa notare Grewal, "il nostro lavoro va ad aggiungersi al corpus di prove a supporto della natura sistemica della psoriasi"."Abbiamo sempre saputo che le malattie interne si manifestano anche al livello cutaneo, ma solo recentemente si è cominciato a comprendere che malattie cutanee di grave entità, e in particolar modo la psoriasi, hanno origine sistemica".

"È un ambito di studio in costante evoluzione"; ha commentato il Dr. Dhillon. "La cosa più importante non è soltanto informare i pazienti di tutti i rischi ai quali sono esposti, ma curare aggressivamente la psoriasi in modo tale da diminuire il rischio di complicazioni".

Riferimenti:

American Academy of Dermatology (AAD) 74th Annual Meeting, intervento del 6 marzo 2016.