link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

FDA approva ixekizumab per la psoriasi a placche

psoriasis examination

L'agenzia americana per il farmaco FDA ha approvato ixekizumab (Taltz, Eli Lilly) per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a severa negli adulti.

Ixekizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato che ha come bersaglio l'interleuchina 17A, responsabile dei processi infiammatori legati alla psoriasi. Ixekizumab viene somministrato tramite iniezione ed è rivolto ai pazienti soddisfano i criteri necessari per la terapia sistemica, per la fototerapia o una combinazione di entrambe.

"Questa approvazione fornisce ai pazienti con psoriasi a placche un'opzione di trattamento importante per contribuire ad alleviare l'irritazione della pelle e il disagio provocato da questa condizione", ha spiegato la Dr.ssa Julie Beitz, direttrice del dipartimento di Valutazione dei Farmaci del centro di ricerca della FDA.

La sicurezza e l'efficacia di ixekizumab sono state dimostrate in tre studi randomizzati e controllati contro placebo, che hanno coinvolto oltre 3.800 pazienti con psoriasi a placche.

I risultati di questi studi hanno evidenziato che ixekizumab è in grado di produrre una "maggiore risposta clinica rispetto al placebo, con una risoluzione totale o quasi totale, valutata in termini di estensione, natura e gravità delle manifestazioni cutanee", questo quanto dichiarato da FDA nel comunicato stampa relativo all'approvazione.

Poiché la terapia con ixekizumab rientra nelle immunoterapie, il comunicato chiarisce che l'impiego del farmaco è condizionale all'informazione del paziente circa il maggior rischio di infezione e il rischio di una reazione allergica o autoimmune legati all'assunzione del farmaco.

Gli effetti collaterali più comuni sono: infezioni del tratto respiratorio superiore, reazioni al sito d'iniezione e infezioni di natura micotica (tinea). FDA ha anche fatto sapere che ci sono stati casi di reazione allergica, nonché di comparsa o peggioramento della sindrome del colon irritabile, perciò i pazienti in terapia con ixekizumab dovrebbero essere monitorati con attenzione per questo tipo di effetti collaterali.

Il mese scorso, il dipartimento per i medicinali ad uso umano dell'agenzia europea per il farmaco (European Medicines Agency) ha raccomandato la commercializzazione di ixekizumab per l'impiego nei pazienti adulti con psoriasi a placche da moderata a severa che sono buoni candidati per la terapia sistemica.

La psoriasi interessa 125 milioni di persone al mondo e il 20% di queste, secondo Eli Lilly, è affetto da psoriasi a placche da moderata a severa.