link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il farmaco di Regeneron e Sanofi si dimostra efficace contro l'eczema

medical research trial

Regeneron Pharmaceuticals Inc e Sanofi hanno rilasciato un comunicato sul loro trattamento sperimentale per l'eczema, che si è dimostrato molto efficace in due studi condotti su larga scala.

Le due aziende farmaceutiche hanno inoltre fatto sapere che chiederanno l'approvazione dell'agenzia americana FDA per il loro farmaco, dupilumab, sulla base degli ottimi risultati ottenuti nel corso di una sperimentazione che ha coinvolto 1.400 adulti con eczema da moderato a grave.

Se il farmaco dovesse ricevere l'approvazione dell'agenzia, si tratterebbe del primo farmaco sistemico per il trattamento di questa condizione, che nei casi più gravi si manifesta con eruzioni cutanee estese, prurito e che espone gli individui affetti al rischio di infezioni cutanee.

Nei due studi (identici) di fase 3, le lesioni cutanee hanno raggiunto una risoluzione totale o quasi totale nel 37% e 36% dei pazienti, rispettivamente, che hanno ricevuto iniezioni settimanali di dupilumab e nel 38% e 37%, rispettivamente, dei pazienti che hanno ricevuto iniezioni di dupilumab ogni due settimane.

È stato rilevato, in media, un miglioramento di circa il 70% in termini di estensione e gravità dell'eczema nei pazienti che hanno assunto il farmaco nel corso degli studi, un tasso di miglioramento due volte superiore a quello ottenuto dal gruppo placebo.  Il tasso di effetti collaterali gravi è stato più basso nel gruppo dupilumab rispetto al gruppo placebo.

Dupilumab agisce bloccando IL-4 e IL-13, due proteine che i ricercatori di Regeneron credono essere le principali responsabili non soltanto dell'eczema ma anche di altre condizioni allergiche come l'asma e la poliposi naso-sinusale, che hanno mostrato di rispondere bene alla terapia con dupilumab in alcuni studi condotti da Regeneron.

"Stando ai risultati delle nostre ricerche, queste due proteine sembrano essere i fattori chiave delle risposte allergiche che si trovano alla base di tutte queste patologie", ha spiegato il direttore della ricerca di Regeneron, Dr. George Yancopoulos.

L'eczema interessa circa il 2% della popolazione adulta nei soli Stati Uniti e fra il 10% e il 20% dei bambini, con livelli di intensità che vanno da lieve a moderato. Al momento le opzioni terapeutiche per la gestione dell'eczema comprendono farmaci come la ciclosporina, un immunosoppressore sistemico che non è stato approvato per questo uso terapeutico e che può comportare il rischio di infezioni e problemi renali. Le creme a base di agenti steroidei rappresentano lo standard per quanto riguarda le terapie non sistemiche, ma queste si sono dimostrate inefficaci nell'alleviare i sintomi a lungo termine e possono causare effetti collaterali problematici.