link876 link877 link878 link879 link880 link881 link882 link883 link884 link885 link886 link887 link888 link889 link890 link891 link892 link893 link894 link895 link896 link897 link898 link899 link900 link901 link902 link903 link904 link905 link906 link907 link908 link909 link910 link911 link912 link913 link914 link915 link916 link917 link918 link919 link920 link921 link922 link923 link924 link925 link926 link927 link928 link929 link930 link931 link932 link933 link934 link935 link936 link937 link938 link939 link940 link941 link942 link943 link944 link945 link946 link947 link948 link949 link950 link951 link952 link953 link954 link955 link956 link957 link958 link959 link960 link961 link962 link963 link964 link965 link966 link967 link968 link969 link970 link971 link972 link973 link974 link975 link976 link977 link978 link979 link980 link981 link982 link983 link984 link985 link986 link987 link988 link989 link990 link991 link992 link993 link994 link995 link996 link997 link998 link999 link1000 link1001 link1002 link1003 link1004 link1005 link1006 link1007 link1008 link1009 link1010 link1011 link1012 link1013 link1014 link1015 link1016 link1017 link1018 link1019 link1020 link1021
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Accelerometri: un utile strumento per misurare l'attività dell'eczema nei bambini? Validità, responsività al cambiamento, e accettabilità di utilizzo nel contesto di uno studio clinico

accelerometersL'actigrafia, che utilizza gli accelerometri per registrare il movimento, è stata proposta come metodo oggettivo per la valutazione del prurito nell'eczema. Studi precedenti hanno dimostrato forti correlazioni tra l'acrigrafia e la sorveglianza in video, la gravità della malattia e i marcatori biologici nei pazienti con eczema.

 

Obiettivi: Valutare la validità dei dati accelerometrici, la loro reazione al cambiamento e la praticità e l'accettabilità degli accelerometri quando vengono utilizzati come misura di esito in uno studio clinico.

Metodi: Questo studio ha utilizzato i dati raccolti da 336 partecipanti allo studio Softened Water Eczema (SWET). I dati accelerometrici sono stati confrontati con tre scale standardizzate: il punteggio di gravità Six Area, Six Sign Atopic Dermatitis (SASSAD), la valutazione dell'eczema orientata al benessere del paziente (Patient Oriented Eczema Measure — POEM) e l'Impatto Familiare della Dermatite (DFI). Il test dei ranghi di Spearman è stato utilizzato per le correlazioni.

Risultati: Solo il 70% dei partecipanti allo studio ha avuto dati completi, contro il 96% per l'esito primario (gravità dell'eczema — SASSAD). È stata scarsa la validità convergente dei dati accelerometrici con le altre misure di gravità dell'eczema: la correlazione con SASSAD 0·15 (P = 0·02) e POEM 0·10 (P = 0·13). Valutando la validità divergente rispetto alle misure della qualità della vita, la correlazione con DFI è stata bassa (r = 0·29, P < 0·0001). Confrontando le variazioni dei punteggi dal basale alla settimana 12 per SASSAD, POEM e DFI con il cambiamento nei punteggi accelerometrici abbiamo trovato delle correlazioni basse e negative (r = −0·02, P = 0·77; r = −0·12, P = 0·06; and r = −0·01, P = 0·87, rispettivamente). Generalmente, le unità sono state ben tollerate ma sono stati proposti suggerimenti in grado di migliorare la loro usabilità nei bambini.

Conclusioni: L'actigrafia non si correla bene con la gravità della malattia e con la qualità della vita quando viene utilizzata come misura di esito obiettiva in uno studio clinico multicentrico, e non è responsiva ai cambiamenti nel corso del tempo. È necessario un ulteriore lavoro per stabilire il perché di questo problema, e anche per stabilire metodi migliori al fine di distinguere tra i movimenti correlati all'eczema da quelli non correlati all'eczema.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Are accelerometers a useful tool for measuring disease activity in children with eczema? Validity, responsiveness to change, and acceptability of use in a clinical trial setting

Rivista: British Journal of Dermatology. doi: 10.1111/j.1365-2133.2012.11184.x

Autori: C.I. Wootton, K. Koller, S. Lawton, C. O'Leary, K.S. Thomas, on behalf of the SWET study team

Affiliazioni: Queen's Medical Centre, Nottingham, U.K.

Centre of Evidence Based Dermatology, Nottingham NG7 2NR, U.K.

MRC Clinical Trials Unit, London, U.K.

Abstract: 

Background Actigraphy, which uses accelerometers to record movement, has been proposed as an objective method of itch assessment in eczema. Previous studies have found strong correlations with actigraphy and video surveillance, disease severity and biological markers in patients with eczema.

Objectives To assess the validity of accelerometer data, its responsiveness to change and the practicality and acceptability of accelerometers when used as an outcome measure in a clinical trial.

Methods This study used data collected from 336 participants of the Softened Water Eczema Trial (SWET). Accelerometer data were compared with three standardized scales: Six Area, Six Sign Atopic Dermatitis (SASSAD) severity score, Patient Oriented Eczema Measure (POEM) and Dermatitis Family Impact (DFI). Spearman's rank testing was used for correlations.

Results Only 70% of trial participants had complete data, compared with 96% for the primary outcome (eczema severity — SASSAD). The convergent validity of accelerometer data with other measures of eczema severity was poor: correlation with SASSAD 0·15 (P = 0·02) and POEM 0·10 (P = 0·13). Assessing for divergent validity against quality of life measures, the correlation with the DFI was low (r = 0·29, P < 0·0001). Comparing the change scores from baseline to week 12 for SASSAD, POEM and DFI with the change in accelerometer scores we found low, negative correlations (r = −0·02, P = 0·77; r = −0·12, P = 0·06; and r = −0·01, P = 0·87, respectively). In general, the units were well tolerated but suggestions were made that could improve their usability in children.

Conclusions Actigraphy did not correlate well with disease severity or quality of life when used as an objective outcome measure in a multicentre clinical trial, and was not responsive to change over time. Further work is needed to establish why this might be, and to establish improved methods of distinguishing between eczema-related and eczema-nonrelated movements.