link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Nuovo polimero leviga le rughe e rassoda la pelle

face skin young old

Un gruppo di ricercatori sostiene che un nuovo polimero siliconico sia in grado di ridonare alla pelle un aspetto giovane e fornire un'adeguata protezione dai raggi UV.

"Con l'invecchiamento la pelle perde la sua integrità biomeccanica, diventando più sensibile ai danni ambientali e meno efficace nella guarigione delle ferite. I cambiamenti cutanei associati all'invecchiamento e alla perdita di integrità biomeccanica si manifestano principalmente in termini di perdita di elasticità e di incremento della lassità della pelle stessa", hanno spiegato il Dr. Robert Langer, del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge, e colleghi in un articolo pubblicato il 9 maggio nell'edizione online di Nature Materials.

"Sebbene esistano già pellicole e microfilm elastici e flessibili, pensati apposta per aderire alla pelle, nessuno di questi materiali è stato progettato per fare da 'seconda pelle' e per essere indossato in maniera discreta per migliorare l'elasticità e l'aspetto della pelle", spiegano gli autori dello studio.

Per creare una vera e propria 'seconda pelle', il team ha sintetizzato un nuovo materiale, un polimero reticolato (crosslinked polymer layer o XPL) in grado di imitare l'aspetto, l'elasticità e la resistenza della pelle sana. I ricercatori fanno notare che in laboratorio XPL ha mostrato di poter tornare al suo stato originale dopo essere stato sottoposto ad una deformazione di oltre il 250%, ottenendo risultati migliori di quelli osservati nello studio dei gel siliconici e delle pellicole a base di poliuretano, entrambi utilizzati per la medicazione delle ferite.

"Gli studi proof-of-concept condotti su soggetti umani hanno mostrato come la contrazione data da XPL sia in grado di rimodellare la superficie cutanea così come di appiattire il tessuto adiposo erniato che causa le cosiddette 'borse' sotto gli occhi", si legge nello studio. Nell'ultimo studio, i ricercatori hanno applicato XPL aI tessuto adiposo erniato della palpebra inferiore di 12 soggetti. Il risultato è stata una diminuzione di circa 2 gradi (su una scala a cinque gradi) nell'aspetto dell'erniazione.

Studi precedenti hanno mostrato i benefici del nuovo polimero in termini di ritenzione dell'idratazione e miglioramento dell'elasticità cutanea successivi all'applicazione di XPL sulla pelle dell'avambraccio.

"Fino ad ora non abbiamo osservato alcun effetto collaterale"; ha dichiarato il Dr. Langer. "Abbiamo testato il polimero su quasi 200 persone appartenenti a diverse fasce di età e diversi fototipi. La nostra speranza è che questo polimero possa rivelarsi utile in campo dermatologico".

Il Dr. Langer non ha potuto fornire una stima circa le tempistiche secondo le quali il prodotto potrebbe venir reso disponibile sul mercato.

Gli autori dello studio hanno interessi finanziari di rilievo nelle aziende Living Proof e/o Olivo Labs, che si occuperanno dello sviluppo del prodotto.

Riferimenti:

Nature Materials, edizione online del 9 maggio 2016; doi:10.1038/nmat4635