link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Pannello FDA approva Brodalumab per la psoriasi

drug injection

Un comitato consultivo della Food and Drug Administration (FDA) si è pronunciato a favore di un nuovo farmaco per la psoriasi, ma ha raccomandato che la commercializzazione del farmaco venga accompagnata da avvertimenti circa il rischio di suicidio e di comportamento autolesionistico.

Il comitato Dermatologia e Oculistica della FDA ha approvato all'unanimità brodalumab (Valeant Pharmaceuticals) per il trattamento della psoriasi a placche negli adulti.

La maggior parte dei membri del comitato ha espressamente ricordato la necessità di accompagnare brodalumab ad avvertimenti seri e ad un programma di gestione dei rischi collegati al suo utilizzo, ma tutti si sono espressi in favore dell'efficacia del farmaco.

FDA generalmente segue il consiglio dei suoi comitati consultivi interni. Al momento, nessuno dei farmaci approvati per il trattamento della psoriasi ha un avvertimento riguardante il rischio di suicidio o di comportamenti autolesionistici. Valeant ha registrato sei suicidi su un totale 6.200 pazienti che hanno assunto brodalumab nel contesto di studi clinici: quattro in studi riguardanti la psoriasi, uno in uno studio sull'artrite reumatoide e uno in uno studio sull'artrite psoriasica.

"Date le precedenti esperienze, ci si sarebbe aspettati un massimo di uno o due casi", ha spiegato la Dr.ssa Erica Brittain, del centro di ricerca del National Institute of Allergy and Infectious Diseases di Bethesda nel Maryland. "Non possiamo dire con certezza che non ci sia un problema di fondo, ma non sappiamo ancora cosa possa significare", ha proseguito la Dr.ssa Brittain.

La Dr.ssa Julie M. Zito, docente di psichiatria presso la University of Maryland di Baltimora, ha dichiarato che il tasso di suicidi è "tre volte superiore" rispetto a quello misurato nel gruppo placebo. La Dr.ssa Zito ha descritto il numero di suicidi come un "segnale importante" ma ha aggiunto che ancora non ci sono dati sufficienti per collegare brodalumab a ideazioni suicide o a comportamenti autolesionistici.

"Per me, più che di un segnale si tratta di un indizio", ha commentato la Dr.ssa Lynn A. Drake, docente di dermatologia presso la Harvard Medical School di Boston. La Dr.ssa Drake ha sostenuto fortemente l'approvazione del farmaco. "Ci troviamo di fronte ad un farmaco che ha il potenziale per rivoluzionare la terapia della psoriasi e la vita dei pazienti che ne sono affetti", ha spiegato.

Il Dr. Ken Katz, dermatologo del Kaiser Permanente di San Francisco, ha detto di essere preoccupato dai rischi collegati al farmaco ma ha aggiunto: "non credo che questo dovrebbe impedirci di andare avanti con la sperimentazione e la ricerca su questo farmaco".

Il Dr. Katz ha espresso i propri dubbi circa la creazione di un registro di monitoraggio suggerita da Valeant, poiché crede che i medici eviteranno di prescrivere brodalumab a pazienti che siano già a rischio di ideazioni suicide e di comportamenti autolesionistici e questo risulterebbe inevitabilmente in un errore nella valutazione dei dati.

Valeant intanto si propone di fornire a medici e pazienti fogli informativi e documentazioni in grado di facilitare il monitoraggio, compresa una tessera da distribuire ai pazienti che riassuma le modalità di assunzione del farmaco e che riporti i contatti di associazioni e siti ai quali rivolgersi in caso di bisogno.

 

Rischio di suicidio: le ragioni sono ancora oscure

La FDA, insieme a Valeant ed al suo team di consulenti, ha discusso con i membri del comitato le potenziali motivazioni sottese alle ideazioni suicide che si sono verificate in alcuni pazienti nel corso degli studi clinici.

Tutti i partecipanti alla discussione hanno fatto notare che la tendenza all'ideazione suicida e al comportamento autolesionistico sono più alti nei pazienti che soffrono di psoriasi.

I soggetti a rischio non sono stati esclusi dagli studi clinici condotti su brodalumab fino a questo momento. Al basale, il 17% di coloro che stavano assumendo brodalumab manifestava disturbi di origine psichiatrica e il 23% mostrava segni di depressione grave o di disturbo d'ansia.

Il personale di FDA ha spiegato che il breve periodo di controllo degli studi condotti (12 settimane per i tre studi di fase 3) ha reso difficile trarre conclusioni più precise sugli effetti del farmaco. I pazienti che hanno assunto brodalumab e che avevano una storia clinica di disturbi psichiatrici, tuttavia, avevano un rischio di ideazione suicida 18 volte più alto degli altri, secondo i revisori di FDA che hanno valutato gli studi.

La divisione della FDA che si occupa dei medicinali ad uso psichiatrico ha fatto notare che il tasso di suicidi è stato più alto negli studi su brodalumab rispetto al tasso di suicidi che generalmente si verifica negli studi sugli psicofarmaci, il che ha lasciato perplessi molti dei partecipanti al pannello.

Quattro dei pazienti che hanno messo in pratica la propria ideazione suicida avevano una storia clinica di disturbi psichiatrici, ma due erano stati sottoposti ad accertamento psichiatrico e non avevano mostrato sintomi preoccupanti.

La maggior parte dei membri del comitato ha detto di non vedere alcuna ragione biologica alla base dell'aumento del rischio di suicidi collegato a brodalumab, ma questo non significa che esso possa essere ignorato.

 

Efficacia indiscussa

I membri del comitato sono stati concordi sull'efficacia di brodalumab e tutti ritengono che i benefici siano superiori ai rischi.

Il farmaco è un anticorpo monoclonale (IgG2) che si lega al recettore dell'interleuchina (IL)-17 e blocca l'attivitàà di IL-17A, IL-17C, IL-17F, IL-17A/F e IL-25; esso viene somministrato tramite iniezione sottocutanea, in dosaggi da 210 mg, per un periodo di tre settimane, dopodiché le dosi vengono somministrate ogni due settimane.

La psoriasi "rimane una malattia per la quale esistono poche opzioni terapeutiche", spiega la Dr.ssa Elaine H. Morrato, professore associato presso la Colorado School of Public Health, "e molti pazienti hanno sperimentato benefici incredibili a seguito dell'assunzione di questo farmaco", ha concluso.