link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Variazioni dell'espressione dei recettori adrenergici nell'emangioma infantile

hemangioma infantile 4

Uno studio mostra come, nel contesto degli emangiomi infantili, l'espressione dei diversi sottotipi di recettori adrenergici beta subisca significative variazioni nel corso della fase di crescita, di involuzione e come risposta alla terapia con propranololo.

"Abbiamo scoperto che i recettori adrenergici beta di sottotipo 1 sono più numerosi nei casi di emangioma proliferativo, il che suggerisce che questo potrebbe essere il campo di azione della terapia a base di propranololo", ha spiegato il Dr. James D. Phillips, della University of Arkansas di Little Rock.

"I recettori adrenergici beta di sottotipo 3 avevano una concentrazione più alta nel quadro di emangiomi in involuzione o trattati con propranololo, per via della maggior presenza di tessuto adiposo", ha proseguito.

"Il propranololo è diventato il trattamento di prima linea per gli emangiomi infantili, che rappresentano la più comune anomalia vascolare nei bambini", scrivono il Dr. Phillips e colleghi nello studio pubblicato nell'edizione online del 13 ottobre di JAMA Facial and Plastic Surgery.

Tuttavia, il meccanismo d'azione sotteso all'efficacia della terapia con propranololo rimane ancora da chiarire, perciò il team di ricercatori ha portato a termine un'analisi quantitativa su RNA messaggero e sull'espressione dei recettori adrenergici beta-1 (ADBR1), beta-2 (ADBR2) e beta-3 (ADBR3) nei tre stadi clinici dell'emangioma: proliferazione, involuzione e risposta al trattamento con propranololo.

I livelli medi di espressione di ADBR1 mRNA erano significativamente più alti negli emangiomi proliferativi rispetto a quelli trattati con propranololo e più alti, ma non significativamente, rispetto agli emangiomi in involuzione. Non sono state rilevate differenze fra i tre gruppi in termini di espressione di ADBR2 mRNA e non è stata rilevata una significativa amplificazione di ADBR3 mRNA in nessuno dei gruppi.

L'analisi dei livelli di espressione di proteine ADBR con tecnica Western blot ha dato risultati leggermente diversi. I livelli medi di espressione di ADBR1 non sono risultati essere significativamente diversi negli emangiomi proliferativi, in involuzione o trattati con propranololo.

I livelli medi di espressione di ADBR2 sono risultati essere significativamente più bassi nei campioni provenienti da emangiomi trattati con propranololo rispetto a quelli provenienti da emangiomi proliferativi, mentre i livelli medi di espressione di ADBR3 sono risultati essere significativamente più alti negli emangiomi in involuzione e in quelli trattati con propranololo rispetto a quelli proliferativi.

"I risultati di questo studio potrebbero influenzare il trattamento degli emangiomi infantili, poiché supportano l'uso di betabloccanti ad alta selettività come l'atenololo rispetto a betabloccanti come il propranololo", ha spiegato il Dr. Phillips. "Chiaramente è necessario che vengano condotti ulteriori studi, ma i risultati della nostra analisi sembrano suggerire che le terapie con betabloccanti selettivi possano avere un'efficacia del tutto comparabile a quella delle terapie attualmente in uso".

Il meccanismo d'azione del propranololo è ancora poco compreso ma stiamo facendo enormi passi avanti", ha proseguito il Dr. Phillips, "e parte di questi avanzamenti è dovuta ad una maggiore comprensione delle modalità di espressione dei sottotipi di recettori adrenergici beta nelle cellule dell'emangioma. Migliore sarà la nostra compresione di questi meccanismi al livello molecolare, migliori saranno le terapie che saremo in grado di sviluppare, massimizzando l'efficacia e minimizzando gi effetti avversi".

Riferimenti:

James D. Phillips, Haihong Zhang, Ting Wei et al. — "Expression of B-Adrenergic Receptor Subtypes in Proliferative, Involuted, and Propranolol-Responsive Infantile Hemangiomas", JAMA Facial and Plastic Surgery, edizione online del 13 ottobre 2016; doi:10.1001/jamafacial.2016.1188