link1022 link1023 link1024 link1025 link1026 link1027 link1028 link1029 link1030 link1031 link1032 link1033 link1034 link1035 link1036 link1037 link1038 link1039 link1040 link1041 link1042 link1043 link1044 link1045 link1046 link1047 link1048 link1049 link1050 link1051 link1052 link1053 link1054 link1055 link1056 link1057 link1058 link1059 link1060 link1061 link1062 link1063 link1064 link1065 link1066 link1067 link1068 link1069 link1070 link1071 link1072 link1073 link1074 link1075 link1076 link1077 link1078 link1079 link1080 link1081 link1082 link1083 link1084 link1085 link1086 link1087 link1088 link1089 link1090 link1091 link1092 link1093 link1094 link1095 link1096 link1097 link1098 link1099 link1100 link1101 link1102 link1103 link1104 link1105 link1106 link1107 link1108 link1109 link1110 link1111 link1112 link1113 link1114 link1115 link1116 link1117 link1118 link1119 link1120 link1121 link1122 link1123 link1124 link1125 link1126 link1127 link1128 link1129 link1130 link1131 link1132 link1133 link1134 link1135 link1136 link1137 link1138 link1139 link1140 link1141 link1142 link1143 link1144 link1145 link1146 link1147 link1148 link1149 link1150 link1151 link1152 link1153 link1154 link1155 link1156 link1157 link1158 link1159 link1160 link1161 link1162 link1163 link1164 link1165 link1166 link1167
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Psoriasi: apremilast sicuro anche a lungo termine

psoriasis examination

Secondo i risultati dello studio ESTEEM, l'inibitore della fosfodiesterasi 4 apremilast si è dimostrato sicuro per l'uso a lungo termine nei pazienti con psoriasi.

"Non sono emersi significativi rischi per la sicurezza associati all'uso prolungato di apremilast", ha spiegato il Dr. Jeffrey Crowley, del Bakersfield Dermatology and Skin Cancer Medical Group, in California. "Inoltre, lo studio ha evidenziato come la maggior parte delle problematiche relative alla tollerabilità (come nausea e diarrea) si attenuino con il passare del tempo".

Nello studio di fase 3 ESTEEM, apremilast si è dimostrato capace di ridurre significativamente i sintomi associati alla psoriasi e ha mostrato un profilo di sicurezza accettabile fino alla 52esima settimana di terapia.

Il Dr. Crowley e colleghi hanno valutato la sicurezza e la tollerabilità di apremilast (al dosaggio di 30 mg due volte al giorno) per un periodo di almeno 156 settimane, in un'analisi che ha coinvolto 1184 pazienti con psoriasi da moderata a grave, già coinvolti negli studi ESTEEM 1 ed ESTEEM 2.

L'11,2% dei pazienti ha abbandonato lo studio a causa degli eventi avversi collegati alla terapia: diarrea, nausea, infezioni del tratto respiratorio superiore, faringite ed emicrania. Tuttavia, stando ai risultati pubblicati nell'edizione online del 14 aprile del Journal of the American Academy of Dermatology, il tasso di eventi avversi, in particolare nausea e diarrea, è diminuito con il passare del tempo. Anche il tasso di incidenza degli eventi avversi gravi è stato simile a quello relativo a periodi di impiego più brevi e non è aumentato con l'utilizzo a lungo termine di apremilast.

Eventi avversi cardiaci, tumori maligni e infezioni gravi sono stati rari e non ci sono stati casi di infezioni opportunistiche, compresa la riattivazione della tubercolosi.

"I risultati a lungo termine non hanno evidenziato alcun impatto significativo a livello epatico, renale o sanguigno", ha dichiarato il Dr. Crowley.

"I dati pubblicati dovrebbero essere sufficienti a rassicurare medici e pazienti circa la sicurezza di impiego degli inibitori PDE-4, che rappresentano una delle opzione di trattamento a lungo termine più interessanti per i pazienti affetti da psoriasi", ha sottolineato il Dr. Crowley, che ha poi aggiunto: "Le altre opzioni terapeutiche ad assunzione orale usate per il trattamento della psoriasi (metotrexato, acitretina e ciclosporina) hanno significativi rischi per la sicurezza, mentre apremilast si è dimostrato sicuro anche a lungo termine".

La Dr.ssa Nancy Dattola, dell'università "Tor Vergata" di Roma, ha recentemente condotto una valutazione sul profilo di sicurezza di apremilast nei pazienti con psoriasi e ha commentato il lavoro del Dr. Crowley dicendo: "La cosa più importante è che si diffonda il messaggio che apremilast è sicuro, efficace e non richiede iniezioni. Inoltre, apremilast è sicuro anche per i pazienti con comorbidità e per tutti i pazienti che non possono essere sottoposti a terapia con farmaci biologici".

Celgene Corporation, che commercializza apremilast sotto il nome di Otezla, ha sponsorizzato lo studio; 4 autori su 11 sono impiegati di Celgene Corporation e altri 5 hanno con l'azienda relazioni commerciali.

 

Riferimenti:

Crowley, Jeffrey et al. — Long-term safety and tolerability of apremilast in patients with psoriasis: Pooled safety analysis for >156 weeks from 2 phase 3, randomized, controlled trials (ESTEEM 1 and 2), JAMA Dermatology, edizione online del 14 aprile 2017; doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2017.01.052