link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

L'Unione europea approva brodalumab per la psoriasi a placche

EU approval 2

In un comunicato stampa, AstraZeneca e Medimmune annunciano che brodalumab (Kyntheum, LEO Pharma, A/S) è stato approvato dall'Unione europea per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a severa negli adulti idonei alla terapia sistemica.

Brodalumab inibisce selettivamente il recettore di IL-17, bloccando così la risposta infiammatoria coinvolta nella psoriasi a placche.

L'approvazione da parte della Comunità europea avviene a seguito di una raccomandazione positiva del comitato per i farmaci a uso umano (CHMP) dell'agenzia europea per il farmaco (EMA) e risalente a maggio 2017.

Brodalumab è stato valutato nel corso di tre studi clinici randomizzati e controllati (AMAGINE 1-3) che hanno coinvolto oltre 4.300 pazienti.

Negli studi AMAGINE-2 e AMAGINE-3, più pazienti trattati con brodalumab che pazienti trattati con ustekinumab hanno raggiunto un tasso di risposta, rispetto allo Psoriasis Area Severity Index (PASI), di 100 dopo 12 settimane (44% contro 22% in AMAGINE-2 e 37% contro 19% in AMAGINE-3; P < 0,001 in entrambi i casi).

In AMAGINE-1 l'83,3% dei pazienti trattati con 210 mg di brodalumab hanno raggiunto un punteggio PASI di 75, rispetto al 2,7% dei pazienti trattati con placebo (P < 0,001).

Gli eventi avversi più comuni sono stati artralgia, faringite, mal di testa e infezioni delle vie respiratorie superiori Sebbene siano stati registrati casi di ideazioni e comportamenti suicidi, non è stata evidenziata alcuna associazione fra il trattamento con brodalumab e un aumento del rischio di ideazioni e comportamenti suicidi, sottolinea la compagnia. Il lancio di brodalumab in Europa sarà accompagnato da attività di farmacovigilanza per registrare e valutare ogni evento collegato a potenziali rischi per la sicurezza.

Negli Stati Uniti, brodalumab viene venduto con un avvertimento che mette in guardia sul rischio di ideazioni suicide ed è disponibile soltanto attraverso un programma di valutazione e mitigazione del rischio.