link876 link877 link878 link879 link880 link881 link882 link883 link884 link885 link886 link887 link888 link889 link890 link891 link892 link893 link894 link895 link896 link897 link898 link899 link900 link901 link902 link903 link904 link905 link906 link907 link908 link909 link910 link911 link912 link913 link914 link915 link916 link917 link918 link919 link920 link921 link922 link923 link924 link925 link926 link927 link928 link929 link930 link931 link932 link933 link934 link935 link936 link937 link938 link939 link940 link941 link942 link943 link944 link945 link946 link947 link948 link949 link950 link951 link952 link953 link954 link955 link956 link957 link958 link959 link960 link961 link962 link963 link964 link965 link966 link967 link968 link969 link970 link971 link972 link973 link974 link975 link976 link977 link978 link979 link980 link981 link982 link983 link984 link985 link986 link987 link988 link989 link990 link991 link992 link993 link994 link995 link996 link997 link998 link999 link1000 link1001 link1002 link1003 link1004 link1005 link1006 link1007 link1008 link1009 link1010 link1011 link1012 link1013 link1014 link1015 link1016 link1017 link1018 link1019 link1020 link1021
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Miglioramento dell'onicomicosi dopo l'inizio della terapia antiretrovirale combinata

onychomycosisL'onicomicosi è frequente nei pazienti con HIV tardiva e avanzata; i pazienti immunocompromessi possono sviluppare delle manifestazioni cliniche atipiche che sono poi difficili da controllare. L'attuale trattamento per l'onicomicosi si basa sulla somministrazione prolungata di terapie antimicotiche che possono avere interazioni significative con la terapia antiretrovirale combinata (cART). Un miglioramento in talune infezioni opportunistiche associate all'HIV è stato collegato con l'inizio della cART.

Obiettivi: Lo scopo di questo studio è stato quello di analizzare l'influenza della cART sul risultato dell'onicomicosi nei pazienti affetti da HIV.

Metodi: Ai pazienti affetti da HIV con lesioni dermatologiche, che hanno frequentano l'Istituto Nazionale di Malattie Respiratorie, è stato chiesto di sottoporsi a una visita medica. Sono state registrate tutte le storie cliniche dei pazienti in maniera dettagliata. Sono stati eseguiti i test di laboratorio di routine, la conta delle cellule T CD4, e la carica virale di HIV. L'onicomicosi è stata diagnosticata sulla base dell'apparenza clinica. I campioni dalla raschiatura dell'unghia sono stati raccolti dalle unghie dei piedi e delle mani: i campioni sono stati analizzati usando la microscopia diretta. I cambiamenti dell'unghia, dopo l'inizio di cART, sono stati valutati attraverso l'esame clinico.

Risultati: Il miglioramento dell'onicomicosi è stata osservata in sei pazienti con HIV tardiva e avanzata, dopo l'inizio della cART. La completa risoluzione dell'onicomicosi è stata osservata in un paziente senza l'uso della terapia antifungina; un paziente ha necessitato di un trattamento topico antimicotico, e due pazienti hanno richiesto un trattamento antifungino sistemico per ottenere la risoluzione completa.

Conclusioni: L'onicomicosi dovrebbe essere inclusa nel gruppo delle patologie che migliorano con la ricostituzione immunitaria indotta da cART. La patogenesi dell'onicomicosi nella malattia da HIV garantisce uno approfondimento nel contesto del ripristino immunitario cellulo-mediato.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Improvement in onychomycosis after initiation of combined antiretroviral therapy

Rivista: International Journal of Dermatology. doi: 10.1111/j.1365-4632.2011.05346.x

Autori: Gabriela Moreno-Coutiño, Roberto Arenas, Gustavo Reyes-Terán

Affiliazioni: Center for Research in Infectious Diseases, National Institute of Respiratory Diseases, Tlalpan, Mexico City DF, Mexico

Mycology Service, Department of Dermatology, Hospital Manuel Gea González, Tlalpan, Mexico City DF, Mexico

Abstract: 

Background Onychomycosis is frequent in patients with late and advanced HIV disease; immunocompromised patients may develop atypical clinical presentations that can be difficult to control. Current treatment for onychomycosis is based on the prolonged administration of antifungal therapies that may have significant interactions with combined antiretroviral therapy (cART). An improvement in certain HIV-associated opportunistic infections has been associated with initiation of cART.

Objectives The aim of this study was to analyze the influence of cART on the outcome of onychomycosis in HIV-infected patients.

Methods HIV-infected patients with dermatologic lesions attending the National Institute of Respiratory Diseases were asked to undergo physical examination. Detailed clinical histories were recorded. Routine laboratory tests, CD4 T cell count, and HIV viral load were performed. Onychomycosis was diagnosed on the basis of clinical appearance. Nail scrapings were collected from toenails and fingernails. Specimens were analyzed using direct microscopy. Nail changes after cART initiation were assessed by clinical examination.

Results Improvement in onychomycosis was observed in six patients with late and advanced HIV disease after initiation of cART. Complete resolution of onychomycosis was observed in one patient without the use of antifungal therapy; one patient required topical antifungal treatment, and two patients required systemic antifungal treatment to achieve complete resolution.

Conclusions Onychomycosis should be included in the group of pathologies that improve with cART-induced immune reconstitution. The pathogenesis of onychomycosis in HIV disease warrants investigation in the context of cell-mediated immunity restoration.